Il Papa bacia i piedi ai leader del Sud Sudan, sui social si scatena la protesta

PER APPROFONDIRE: papa, papa francesco, sudan
Il Papa bacia i piedi ai leader del Sud Sudan e sui social si scatena la protesta

di Franca Giansoldati

Il Papa rompe il protocollo, si china fino a terra per baciare i piedi dei leader del Sud Sudan che sono arrivati nei giorni scorsi a Santa Marta per un ritiro spirituale e per parlare di pace. Un gesto, quello del Papa, che arriva a spiazzare i presenti, tanto è spontaneo e insolito. Un modo per chiedere loro di prestare ascolto al grido della gente che in quella regione è schiacciata da un destino segnato da carestie, guerre, violenze. Servono gesti forti. Francesco chiede «con sentimenti più profondi» la pace per il piccolo Paese africano. Nel calore della sua Casa, che ha offerto per il ritiro spirituale di due giorni, il Papa non nasconde le future difficoltà ma insiste nella richiesta.

LEGGI ANCHE: Il day after sul documento bomba scritto da Ratzinger sulla pedofilia, i cardinali si interrogano sulla diarchia

Lo fa come «fratello»,  dice, lasciando parlare il suo cuore, chiedendo ai leader di raccogliere la sfida per diventare «da semplici cittadini, padri della Nazione». L'immagine commovente del Papa chino davanti a Salva Kir fa subito il giro del mondo e viene però purtroppo bersagliata da critiche negative sui social perchè si è inchinato a baciare un presidente africano, mentre al santuario di Loreto, la scorsa settimana - viene rilevato dal web -  ha negato la mano a quei fedeli che si inchinavano per rendergli omaggio. Qualche giorno dopo il Papa aveva spiegato di averlo fatto per evitare che le persone possano essere contaminate da bacilli per via della saliva. 

Il Vaticano ha spiegato «il gesto sorprendente e commovente» di Francesco come un passaggio simbolico, fatto (non a caso) «una settimana prima che lo stesso gesto si ripeta nelle chiese di tutto il mondo per far memoria dell’Ultima Cena, quando Gesù, ormai alla vigilia della sua Passione, lavando i piedi degli apostoli, ha indicato loro la via del servizio». Le immagini di Francesco che con visibile sofferenza si è voluto inchinare per baciare i piedi del presidente della Repubblica del Sud Sudan, Salva Kiir Mayardit, e dei vice presidenti designati presenti, tra cui Riek Machar e Rebecca Nyandeng De Mabio è «un’immagine forte che non si comprende se non nel clima di reciproco perdono che ha caratterizzato i due giorni di ritiro. Non solo un summit politico-diplomatico - si legge su Vaticano News - ma un’esperienza di preghiera e di riflessione comune tra leader che, pur avendo siglato un accordo di pace, faticano a far sì che questo venga rispettato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Aprile 2019, 21:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Papa bacia i piedi ai leader del Sud Sudan, sui social si scatena la protesta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 55 commenti presenti
2019-04-13 17:09:42
Quello che volevo dire è questo, leggendo un po' di commenti. Non c'è nessuna sottomissione all'Islam o a qualche altro credo o posizione sociale. Come avevo scritto nel mio primo commento, a me certe cose non arrivano, umanamente non le capisco. Però è pur vero che è esattamente questo che insegna il vangelo. Io sono un combattente... per i miei valori, per il mio credo e faccio molta fatica ad accettare simili gesti. Per noi uomini è importante la gerarchia, il potere,la capacità di intervenire con forza su una disputa o solo per gloria personale.... Ma il vangelo, e ripeto che faccio molta fatica, dice tutt'altro. Si è fatti per servire e non per essere serviti, il primo sarà l'ultimo e viceversa....cosa vuole che le dica. Da questo punto di vista il papa è coerente, anche se io mi sento a disagio. Saluti
2019-04-13 18:50:49
Sig Fiocchi, lei, come credente, oltre ad avere tutti i problemi dei non credenti (salvo quelli a loro imposti da politici e associazioni di credenti) ne ha tanti altri a causa dei ''libri sacri'' delle sua fede dove spesso si legge tutto e in contrario di tutto, a seconda di chi li ha immaginati, scritti o interpretati. Bisogna avere tanta tanta pazienza come ne ebbe il Giobbe a lei ben noto. Saluti
2019-04-14 12:08:52
No, no, non è così caro Pinopin...il fatto che io non comprenda una cosa, non vuol affatto dire che quella cosa sia ingiusta o non sia vera...ma anzi, mi porta a cercare di andare più a fondo. Buona domenica delle Palme.
2019-04-14 14:50:59
Sig Fiocchi, le auguro una buona ricerca, ma non dimentichi . . le pinne e le bombole!! Grazie e, sia pure da non credente, contraccambio.
2019-04-13 15:26:00
guarda caso il sud sudan venne subito riconosciuto e "incoraggiato" da Israele, eh?