Poliziotta si spara con la pistola d'ordinanza, aveva appena accompagnato i figli a scuola

Poliziotta si spara con la pistola d'ordinanza, aveva appena accompagnato i figli a scuola
Prima di tutto donna-mamma, poi sostituto procuratore. Quando la dottoressa Roberta D’Avolio, ieri all'Aquila, ha visto arrivare uno dei figli della donna che poco prima si era tolta la vita, in un gesto materno, non ha esitato per un po’ a mettere da parte la propria professione per tranquillizzare la giovane con un gesto affettuoso. Si condensa in questo piccolo ma significativo spaccato di umanità e sensibilità materna, la tragedia che si è verificata ieri mattina nel capoluogo abruzzese quando Annamaria Chiacchia di 45 anni dell’Aquila, in servizio presso il Compartimento di polizia stradale ha deciso di togliersi la vita con la propria pistola d’ordinanza.

La donna, assistente capo coordinatore della Polizia di Stato, dopo aver accompagnato i figli a scuola (un ragazzo ed una ragazza di 18 e 20 anni) è tornata nella sua abitazione, spostandosi di pochi metri, all’interno di un vicino rudere dove ha deciso di farla finita. E proprio la puntualità nel presentarsi al proprio ufficio ha insospettito i colleghi che non vedendola arrivare hanno avvertito il marito della donna. A sua volta l’uomo ha allertato la figlia che si è messa sulle tracce della mamma. A rinvenire il corpo senza vita dell’agente di Polizia suo fratello. Inutile l’arrivo degli operatori del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare l’avvenuto decesso.

Il cammino della giovane si è incrociato fortunatamente con quello del sostituto procuratore Roberta D’Avolio la quale in un gesto d’altri tempi, con la sensibilità che l’appartiene ma soprattutto dando ascolto all’affetto materno, ha abbracciato la ragazza, rassicurandola, evitando così alla giovane lo squarcio di una ferita già sanguinante. La ragazza è stata poi allontanata. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra mobile. Tutta l’area è stata sequestrata così come la pistola. La donna a quanto pare non ha lasciato alcuno scritto che potesse giustificare un gesto così forte né tra i parenti avevano notato in lei segni di sofferenza.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 10 Aprile 2019, 09:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Poliziotta si spara con la pistola d'ordinanza, aveva appena accompagnato i figli a scuola
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-04-10 13:43:32
Per altro uno degli argomenti a favore delle quote rosa e' anche quello di introdurre la "sensibilita' femminile" negli ambianti lavorativa. Quando questa poi si manifesta, diventa oggetto di meraviglia ? Se ad abbracciare la ragazza era un procuratore maschio diventava esempio di sensibilita' paterna ? O forse qualcuna gridava alla molestia ?
2019-04-10 14:35:58
Quale danno ha procurato un gesto materno del magistrato nei confronti di una figlia che ha appena scoperto il cadavere della madre?
2019-04-10 20:39:50
C'è poco da dire e da commentare... Solamente R.i.p.
2019-04-10 11:02:27
Siamo sicuri non sia omicidio come la poliziotta della penitenziaria??
2019-04-10 19:36:28
non è arrivata puntuale e subito hanno chiamato il marito, che a sua volta ha chiamato la figli ed è stata trovata dal fratello anche lui allarmato. ma non è che per caso avesse dato qualche sintomo di depressione per darsi così tutti da fare a cercarla?