Mercoledì 27 Marzo 2019, 19:10

In ospedale per estrarre un dente. Qualcosa va storto, muore a 13 anni

PER APPROFONDIRE: dente, estrazione, morto, padova, ragazzino
Il ragazzino è morto in ospedale

di Federica Cappellato

PADOVA - Tragedia nella Clinica odontoiatrica dell’Azienda ospedaliera universitaria. Un ragazzo di 13 anni è morto durante l’estrazione di un dente, un’operazione solitamente banale ma non in questo caso in quanto il giovane paziente era gravato da un complicato quadro clinico pregresso. L’intervento stava procedendo per il meglio ma la situazione è precipitata nel giro di pochissimo: stante l’emergenza, era già pronta un’équipe per operarlo ma non ve ne è stato il tempo. Vani i tentativi di rianimare il ragazzo. A stroncarlo, un arresto cardiorespiratorio. Nato a Padova ma residente in provincia di Vicenza,  a Costabissara, il ragazzo, affetto da malattie sistemiche e da tempo in carico al servizio dentistico pubblico di via Giustiniani, era già stato sottoposto ad analogo intervento ai denti circa un mese fa. Allora tutto era filato liscio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In ospedale per estrarre un dente. Qualcosa va storto, muore a 13 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2019-03-28 14:21:49
"Malattia sistemica"E' un termine medico a tutti gli effetti.....sei tu che guardi troppi serie tv....
2019-03-28 15:14:00
Tutti hanno, giustamente, diritto di parola. Ma non si limitino a dire quello che pensano, quanto piuttosto a pensare a quello che dicono.
2019-03-28 13:14:03
Se un paziente è "complesso" con gravi patologie precedenti non potete parlarne in un articolo come se fosse morto un bambino sano senza quadri clinici compromessi di partenza. Già dal titolo dovreste far emergere che c'erano problemi previi. Il "qualcosa va storto" era legato alle sue patologie. Non si muore per una estrazione di un dente ma per delle patologie precedenti. Lì a Padova sono dei professionisti eccellenti. Hanno operato mia figlia, ringraziando il cielo senza quadri clinici complicati, ed è andato tutto bene. Il rischio è quello di far passare seri professionisti per persone che non sanno fare il loro mestiere. E già dai commenti superficiali sulla sanità veneta si vedono le conseguenze delle letture ma anche delle scritture approssimative della disgrazia avvenuta. Condoglianze alla famiglia
2019-03-28 14:04:01
Gentile signora, se il titolo avesse rispecchiato la sostanza di quanto avvenuto, lo si sarebbe potuto definire un articolo giornalistico onesto. Cosa assai rara di questi tempi in ambito giornalistico e non solo. E un articolo giornalistico onesto non richiamerebbe le decine di commenti superficiali e pronti a condannare chichessia che tanto piacciono a certa stampa. Gli analfabeti funzionali non potrebbero esprimere le loro "idee" da bar e gli haters professionisti e rigorosamente anonimi non potrebbero dar fiato ai loro squallidi sproloqui che testimoniano l'incapacità cronica a confrontarsi con le loro frustrazioni.
2019-03-28 14:30:44
Gentile lidense, è del tutto inutile fare voli pindarici, bisogna poi rimanere con i pedi ben fermi be a terra e guardare dritto negli occhi la realtà. La malasanità è anche frutto di una farraginosa organizzazione a capo di tutto questo insicuro procedere, ecco perché occorre ritornare sui nostri passi e ricomporre un’unica sanita per tutto il Paese, prioritariamente