Ex suora, violenza sessuale e stalking alla 26enne suicida: 3 anni e mezzo in appello alla Farè

Ex suora, violenza sessuale e stalking alla 26enne suicida: 3 anni e mezzo in appello alla Farè
Confermati 3 anni e mezzo in appello a Maria Angela Farè, ex suora accusata di violenza sessuale e stalking ai danni di Eva Sacconago, morta suicida a 26 anni. La Corte d'Appello di Milano ha confermato i tre anni e mezzo di carcere inflitti in primo grado a Maria Angela Farè. I giudici, ritoccando la sentenza del Tribunale di Busto Arsizio (Varese), hanno però stabilito un risarcimento da parte della congregazione di cui faceva parte l'imputata, e cioè le Figlie di Maria Ausiliatrice, di 50 mila euro nei confronti dei genitori della ragazza che si tolse la vita nel giugno del 2011, dopo essere stata vittima di un abuso sessuale da parte della suora con cui aveva avuto una relazione sentimentale. Il pg Maria Vittoria Mazza aveva chiesto sette anni di reclusione proponendo la continuazione tra l'episodio di violenza sessuale di otto anni fa e altri contestati dall'accusa ma non riconosciuti in secondo grado e che sarebbero cominciati nel 2006.

Processo all'ex suora Maria Angela Farè: sì alla perizia su lettere e diari di Eva Sacconago

A processo l'ex suora Maria Angela Farè: chiesta perizia su biglietti e mail che scriveva alla sua vittima



Le motivazioni del verdetto saranno depositate fra 30 giorni. «Non ci fermeremo fino a quando non si arriverà alla verità», hanno commentato dopo la sentenza i difensori di Farè, gli avvocati Fabrizio Busignani e Raffaella Servidio, annunciando ricorso in Cassazione. Secondo i legali, «Eva Sacconago era perfettamente capace di intendere e di volere» ai tempi della sua relazione con Farè, che sarebbe andata avanti dal 2002 (quando era ancora minorenne) al 2010. E ancora: «Questa sentenza - hanno aggiunto i difensori - smentisce categoricamente che Eva fosse affetta da un disturbo psichico» e fosse, dunque, in una situazione di inferiorità psichica rispetto alla religiosa. Già una perizia psichiatrica disposta dalla Corte d'Appello di Milano, ed effettuata dallo psichiatra e criminologo Franco Martelli, aveva accertato, nelle scorse settimane, che la giovane «non era affetta da una patologia psichiatrica o da un disturbo di personalità».

Dall'analisi degli appunti, dei diari, dei messaggi (anche audio) ricevuti da Eva era emerso, però, che Farè aveva avuto un approccio con Sacconago caratterizzato da una «modalità avvolgente, ambigua e 'perversà». Anche il sostituto pg Mazza ha parlato di un atteggiamento dell'imputata «di avvolgente sovrapposizione, sin da quando da piccola l'ha conosciuta all'oratorio». Fino a che, secondo il pg Mazza, si è passati «dall'affetto agli abusi». Tiberio Massironi, il legale che assiste i genitori della ragazza che si sono costituiti parte civile, ha espresso «soddisfazione» per la sentenza «soprattutto perché è stata riconosciuta la responsabilità dell'ente religioso» di cui faceva parte l'imputata. «Ci aspettavamo però una condanna anche per gli episodi precedenti - ha aggiunto l'avvocato - perché Eva è stata violentata dalla suora quando era minorenne e un abuso simile non può mai trasformarsi in qualcosa di diverso».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 19 Marzo 2019, 19:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ex suora, violenza sessuale e stalking alla 26enne suicida: 3 anni e mezzo in appello alla Farè
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-03-20 11:33:32
Conventi come alcove. Ma se durava da anni questa relazione dove sta la colpa dell'imputata? Uno si può suicidare per infinite motivazioni.
2019-03-20 12:29:59
Par condicio coi monsignori...