Salvini: Flat tax ai lavoratori dipendenti. Di Maio apre ma «con prudenza»

PER APPROFONDIRE: manovra, matteo salvini, melfi, potenza
Salvini: «Flat tax nel 2019 ai lavoratori dipendenti. Io fascista? Che noia»
Alla vigilia di una settimana segnata dallo sblocca-cantieri e probabilmente anche dalle prime riunioni di governo in vista del Def e del ddl crescita, Matteo Salvini alza la posta sulle opere e rilancia una delle proposte bandiera della Lega, la Flat tax, facendo bocciare però al suo partito uno studio del Mef secondo il quale la proposta costerebbe quasi 60 miliardi. 

Salvini, sì al grembiule obbligatorio a scuola: «Così tutti i bambini sono uguali»
  Sul decreto sblocca-cantieri il premier mantiene ferma la sua impronta all'insegna, si sottolinea nel governo, dell'ascolto e dell'inclusione. E, dopo aver incontrato gli enti locali e i sindacati venerdì, domani Conte si recherà in Piemonte al cantiere dell'Asti-Cuneo, assieme al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Il Cdm di mercoledì, confermano da Palazzo Chigi, sarà chiamato a mettere il sigillo al decreto. Ma, da qui alle prossime 72 ore, le discussioni nel governo non mancheranno, con la Lega che vuole un via libera «a tutti i cantieri», da Nord a Sud, inserendo anche l'edilizia privata nel provvedimento. 

«Conto che gli amici del M5s ci diano una mano a riaprire i cantieri», sottolinea Salvini in mattinata chiedendo una riduzione dei tempi anche nel periodo che va dall'appalto all'apertura dei cantieri. Il leader della Lega non cita un altro dei nodi giallo-verdi: l'introduzione di un commissario unico ai cantieri sulla quale, tuttavia, resta secco il «no» sia del premier sia dei Cinque Stelle. La volontà di Conte rimane quella di ascoltare il contributo di tutti tenendo però tra le sue mani un dossier delicato, al quale anche il M5S guarda con attenzione per scrollarsi di dosso l'etichetta del partito del «No». E, fonti di maggioranza, non a caso, sottolineano come Conte, sullo sblocca-cantieri, ci stia lavorando da settimane con «concretezza». Nel salotto di Barbara d'Urso, tuttavia, il leader leghista torna alla carica sulla Tav. 

«Se prevarrà il buon senso, si farà», sottolinea Salvini dicendosi fiducioso che, con il M5S si troverà una soluzione e tornando a negare frizioni con gli alleati: «andiamo d'amore e d'accordo su tutto». Anche se, sul memorandum italo-cinese che sabato sarà siglato da Conte e da Xi Jinping, Salvini torna a tenere il punto. «Dobbiamo stare attenti ai telefonini, da cui passano ormai tutti i dati, penso all'energia, la sicurezza nazionale non si svende alle potenze straniere», sottolinea il vicepremier lanciando, tra l'altro, una nuova proposta: una riforma del diritto di famiglia affinché «i bambini non siano merce di scambio tra genitori». Dalla Basilicata, invece, è sulla Flat tax familiare che Salvini punta. 

«Non abbiamo smesso di lavorarci giorno e notte, nel 2019 ci sarà una flat tax per i lavoratori dipendenti», annuncia il vicepremier. La proposta riguarderebbe una doppia aliquota sul reddito familiare, con deduzioni progressive per ogni componente a seconda della soglia di reddito annuale. La Lega rilancia la proposta a ridosso delle Europee ma, sul provvedimento, servirà un lavoro lungo e dall'esito incerto. Una simulazione del Mef dello scorso febbraio assegnerebbe alla flat tax familiare un costo da 59,3 miliardi, cifra di fatto insostenibile in una congiuntura dove Roma dovrà innanzitutto trovare i fondi per evitare lo scatto delle clausole di salvaguardia. 

Di Maio, sulla proposta, apre ma con prudenza. «Sono fiducioso che sulla Flat tax familiare troveremo una soluzione ma l'importante è non fare facili promesse alla Berlusconi», avverte il leader del M5S. Fdi rilancia la «sua» Flat tax come «unica proposta realistica» mentre la Lega confuta lo studio del Mef in quanto antecedente all'elaborazione della Flat tax-Fase II, rivolta a tutte le famiglie fino a 50mila euro di reddito. Proposta che incide per «10-12 miliardi», sottolinea Armando Siri.

Matteo Salvini sabato sera ad un comizio in Basilicata

Nervosismo a Melfi. «Ragazzi io sono simpatico e bello, però non date fastidio a me, ma a loro...o state zitti o andate da un'altra parte». Matteo Salvini è a Melfi per un comizio elettorale in vista delle regionali in Basilicata. Alcuni dalla piazza continuano a contestarlo dopo averlo definito fascista. Il leader della Lega non ci sta, perde la pazienza: «Per me potete urlare quanto volete, ma le persone che sono qui meritano rispetto...». E ancora: «Se ci fossero i partigiani veri, di fronte a questi dieci sfigati si ribalterebbero nella tomba. Si ribalterebbero nella tomba a vedere da chi sono rappresentati oggi...». Di nuovo qualche giovane grida fascista!. Il ministro dell'Interno ribatte: «Fascista? Madonna, ma aggiornatevi amici miei, aggiornatevi, avete 16 anni ma siete vecchi dentro, confrontatevi con il mondo... Nell'Italia che ho in mente donne e bambini che vengono qui hanno casa mia come casa loro, ma sono stufo di mantenere a spese degli italiani ventenni robusti con cappellino telefonino e scarpe da tennis... Sono stufo. Buoni sì ma fessi no e ogni barcone che si avvicinerà alla coste italiani avrà un biglietto di solo andata per ritornare da dove è partito. Per questo penso mi paghino lo stipendio e questo faccio. E se questo mi costa qualche processo andrà a testa alta.... So che verrete anche voi, portatemi qualche arancia, mi farà bene alla salute...».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 17 Marzo 2019, 11:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Salvini: Flat tax ai lavoratori dipendenti. Di Maio apre ma «con prudenza»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2019-03-17 16:02:23
Dimentichi la cosa più importante Amburgo: Italia in recessione grazie a governo incapaci e nonostante tutte queste inutili riforme.
2019-03-17 17:14:25
Gentile Sig. Demetan la ringrazio della risposta, ma io la penso diversamente da lei. Guardi che quando il M5S è entrato al Governo, nove mesi fa, il nostro Paese era già in recessione da diversi anni, dal 2009/10. Chiediamoci quali sono state le Forze politiche che hanno sostenuto i Governi dal 2009 ai primi di giugno del 2018? Per essere ancora più precisi il nostro Debito Pubblico nove mesi fa aveva già superato la soglia dei 2,3 miliardi di Euro e non è certo causa al M5S, composto come si usa spesso dire a mio giudizio ingiustamente, da incompetenti.
2019-03-17 20:16:01
Non è proprio così come gliela raccontano. Non credo Lei Amburgo stia facendo troppo del bene al suo Movimento di riferimento: dare la colpa sempre a chi era PRIMA al timone non aiuta a migliorare la propria (ATTUALE) azione di governo e nemmeno la condizione economica del Paese. Ok, ci può stare che questo governo per un motivo o per l'altro non piace ai mercati. Quindi che facciamo? Usciamo dai mercati, usciamo dall'Europa, usciamo dal mondo? Reddito cittadinanza e quota 100 sono comunque politiche attuate con soldi presi a prestito da quei ("brutti, cattivi, cinici, antisovranisti, filosionisti, sorosiani, antipopolari, affamatori di popoli, taglieggiatori e bla bla bla bla bla") mercati, Le ricordo sommessamente.
2019-03-18 09:07:05
Amburgo, ti sei dimenticato la mancata indicizzazione delle pensioni e i cantieri bloccati, gli edifici condonati ad Ischia, l'assunzione in posizioni di prestigio di autentiche nullità, le figuracce a livello internazionale, l'isolamento dell'Italia, l'assunzione con criteri poco limpidi dei navigator... devo continuare? Fra l'altro il parlamento non ha mai legiferato così poco e di conseguenza stiamo pagando profumatamente senatori e deputati per lavorare poche ore alla settimana.
2019-03-17 14:10:12
Che noia? Non sa piu' come giustificare il suo razzismo e il continuo (e fasullo) allarme immigrati? Se avesse qualcosa da fare, non perderebbe tempo in continua campagna elettorale e inventandosi boiate come l'allarme immigrati.