Greta Thunberg, Maria Giovanna Maglie: «La metterei sotto con l'auto». Bufera sui social

Greta Thunberg, Maria Giovanna Maglie: «La metterei sotto con l'auto». Scoppia bufera
«Greta Thunberg? La metterei sotto con l'auto». A dirlo, parlando a Un Giorno da Pecora su Radio2, è stata Maria Giovanna Maglie. «Una battuta», si è poi giustificata. Troppo tardi, però: sui social era già scoppiata una bufera contro di lei e in difesa della sedicenne svedese diventata l'icona mondiale delle proteste dei giovani per il clima.

«Adesso non si può più dire male di Greta perché mi hanno detto che ha la sindrome di Asperger, cioè è malata di autismo, allora a quel punto il politically correct e anche il buon senso mi vietano di dire quello che avrei detto se fosse stata sana: che l'avrei messa sotto con la macchina. Ma non si può dire», ha detto la giornalista Maria Giovanna Maglie, ospite del programma satirico di Rai Radio1 condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.


«Ma non si può dire», l'hanno incalzata a loro volta i conduttori. E Maglie: «Ma sapete quanti esseri umani metterei sotto con la macchina?». Su Twitter la Maglie ha poi chiarito il senso di quella che ha definito «una battuta durante una trasmissione di satira e di scherzo. L'esercito del #politicallycorrect è sempre #incinta». Scrivendo a Dagospia, Maria Giovanna Meglio ha quindi spiegato meglio il suo punto di vista: 
«Premetto che non me ne può fregare di meno, aggiungo che non mi scuso perché non c'è niente di cui scusarsi. "Un giorno da pecora" è una trasmissione molto simpatica, dove mi sono divertita e tornerò volentieri se mi vorranno invitare di nuovo dopo questo casino, molto piacevole, nella quale si scherza e si esagera», esordisce. 

E poi ribadisce: «Io ho osato fare una battuta, che può far ridere o meno, non mi pare questo il punto, che poi è una frase che a Roma si dice sempre, "te metterei sotto co' la machina", specificando poi che lo farei anche con altri che mi stanno antipatici e mi basterebbe naturalmente un colpetto su un piede, nessun omicidio. Solo che ho osato toccare la ragazzina simbolo del politically correct. Una gigantesca macchina di propaganda della quale è il terminale sfruttato e strumentalizzato, e che viene raccontata bene in alcuni articoli evidentemente non letti o tenuti nascosti, che ha mandato ieri in Piazza milioni di bambini e ragazzi per i quali, guardare le interviste, il cambio di clima è conseguenza dello spread e simili amenità. Naturalmente la giornata dedicata al pericolo che incombe non poteva essere una domenica, meglio un bello sciopero di giorno feriale, meglio se il giorno prima del fine settimana»

E ancora: 
«Mi sono presa e mi sto prendendo la mia dose di insulti livorosi e sanguinosi, che partono da Craxi per arrivare a Salvini, vecchi e nuovi tiranni invisi al mondo; insulti che non brillano per argomentazioni, tutto una ciccia e merda, evidentemente si parla di ciò che si conosce, e minacce di morte, che evidentemente però a differenza della mia battuta sono legittimi e giustificati. Per fortuna ci sono anche molte persone sensate a popolare i social».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 16 Marzo 2019, 19:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Greta Thunberg, Maria Giovanna Maglie: «La metterei sotto con l'auto». Bufera sui social
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-03-16 21:30:44
Battuta cretina, senza se e senza ma.
2019-03-17 09:51:16
Francamente se il mondo deve dipendere da una ragazzina di 16 anni siamo messi molto male. Che ne sa di clima, di variazioni climatiche questa qui? In senso tecnico voglio dire, non in quello che gli hanno messo in testa. Io direi che prima studi e molto il presente ed il passato del clima sulla terra. Delle cose che hanno e che stanno influenzano le correnti, i mari, le temperature ecct. e poi parli. Per ora e solo politica, quella peggiore pero, pero che usa i bimbi per portare avanti le proprie idee ed avere consensi.
2019-03-17 11:30:04
maglie, maglie: dove ho sentito questo nome? aaah, si: è quella pseudo giornalista che "lavorava" per la rai, a nuova york, amica di benito craxi, coinvolta in uno scandalo di mangiatopoli (aveva esagerato con le spese a carico della rai, ossia noi) e che poi per un po' è sparita?
2019-03-17 11:30:10
A parte che ormai è stato sdoganato di tutto, quindi che una pseudo giornalista come la Maglie se la prenda con una giovinetta che invece di stare tutto il giorno con la testa china sullo smart-phone, si sente coinvolta in una nobile causa e riesce in qualche modo ad attirare l'attenzione del mondo, non nobilita lei, la Maglie, che da persona molto, ma molto sgamata dovrebbe incoraggiare e se possibile mettere in guardia sulle difficoltà che inevitabilmente il mondo dei "vecchi" , come me e lei (la Maglie), frapporranno tra il sogno e la realtà. Una cosa mi preme ricordare, che la Maglie oggi , chissà come mai, in tutti i programmi tv si erge a difesa del movimento di Grillo, dimenticando che proprio il guru ha fondato il suo movimento basandolo su ipotesi fantasiose e strampalate, illudendo milioni di "cittadini", con la differenza che la genuinità di una giovinetta di 15 anni non deve essere paragonata al calcolo di una macchina politico-economica messa in campo da ultra sessantenni come Grillo e Casaleggio, programmata solo per prendere il potere, ma la signora Maglie non se la è sentita di investire nessuno.
2019-03-17 11:42:46
Ci sono specialisti assoluti che da decenni disperatamente avvisano in merito al disastro incombente. I negazionisti e i furboni “che tanto, dopo di me che mi frega, ora pensiamo alla grana” (ignoranti come capre) non li hanno mai considerati. A che serve quindi studiare Gianfri 54?