Giovedì 14 Marzo 2019, 21:11

Sgridò l'assessore e venne trasferito. Addetto Veritas riabilitato dal giudice

Sgridò l'assessore e venne trasferito  ​Addetto Veritas riabilitato dal giudice

di Gianluca Amadori

CHIOGGIA - Fu sospeso dal lavoro e dallo stipendio per 10 giorni e poi trasferito in un’altra città per aver fermato al bar l’assessore comunale al Bilancio e alle società partecipate di Chioggia, Daniele Stecco, contestandogli di aver depositato due scatoloni di carte e documenti all’esterno dell’apposito bidone per la raccolta differenziata. Ma ora, a distanza di due anni dai fatti, il Tribunale di Venezia ha dichiarato illegittima la sanzione disciplinare che Veritas, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in molti comuni della provincia di Venezia, aveva inflitto ad un suo dipendente di 56 anni. Il giudice Anna Menegazzo ha condannato Veritas a riassegnare il dipendente alle sue mansioni originarie di ispettore ambientale e a risarcire il «danno alla professionalità» da lui sofferto a seguito del trasferimento e dell’inquadramento inferiore, versandogli un terzo della retribuzione lorda maturata nel periodo di lavoro nella sede di Mestre.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sgridò l'assessore e venne trasferito. Addetto Veritas riabilitato dal giudice
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-03-15 10:14:48
Non leggo cosa c'è scritto dopo "versandogli un terzo della retribuzione lorda maturata" ma spero gli debbano risarcire cospicuamente anche i danni morali. E se c'è lo zampino dell'assessore che venga punito pure lui.
2019-03-15 09:14:16
se lo faceva rivolto ad un cittadino qualunque subiva lo stesso provvedimento ? ....
2019-03-15 08:21:15
Si perché L assessore, come quasi in tutti i comuni é il piccolo boss del posto, adesso dovrebbero cacciare L assessore
2019-03-15 07:24:11
Oddio. Letto cosi' sembra l'ennesimo sopruso condotto ai danni di un integerrimo lavorate che il giudice di Berlino ha sanzionato. Poi magari scopri che il cassonetto era comunque pieno fino all'orlo e che il probo lavoratore voleva fare un "gesto politico" sanzionando quella specifica persona. Poi ci sono modi e modi. Anche se sei nel "giusto", per una cosa del genere, insegui qualcuno in un bar come se fosse Al Capone ? E, soprattutto mi chiedo, ma abbiamo ispettori ambientali che controllano cassonetti e cartoni ? Appero'
2019-03-15 07:22:45
Incredibile abuso di potere di un politico. Sembra quasi una di quelle caricature di politico dei film di Sordi .."lei non sa chi sono io!". Una storia patetica.........che vergogna...Sono contento che alla fine giustizia sia stata fatta.