Reagisce alla rapina aggrappandosi all'auto: 50enne travolta e uccisa

Il punto in cui è stata aggredita la donna davanti al Postamat

di Luca Pozza

NOVENTA VICENTINA - Tragica rapina oggi, mercoledì 13 marzo, poco dopo le 13, all'esterno dell'ufficio postale di Noventa Vicentina, con vittima una donna. 

Secondo una prima  ricostruzione, i due banditi entrati in azione avevano come obiettivo il denaro che la donna uccisa, una 50enne di origini romene e residente a Minerbe, nel Veronese, Michaela Stoicescu, aveva con sè mentre stava facendo, con la nipote, alcune operazioni in  uffici postali della zona. L'ultima tappa era stata quella di Lonigo.

La vittima si era poi fermata nei pressi di un ufficio postale a Noventa Vicentina e aveva fatto scendere la nipote, 32enne. In quel frangente, un bandito ha aperto la portiera della Mercedes, con l'intento di rubare il denaro  e poi  anche la vettura, una Mercedes Classe E coupè. L'uomo ha tirato quindi fuori con la forza la donna e si è messo alla guida. Per evitare che il bandito si allontanasse con l'auto, la vittima si è aggrappata alla portiera ma è stata travolta e uccisa. Il malvivente è quindi fuggito, andando però a sbattere dopo 200 metri contro un palo. A quel punto ha abbandonato la Mercedes ed è salito su una Panda guidata dal complice che lo seguiva, facendo perdere le tracce. 


Posti di blocco in tutta la zona per intercettare i banditi.

*** I particolari sul Gazzettino del 14 marzo ***
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Marzo 2019, 16:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Reagisce alla rapina aggrappandosi all'auto: 50enne travolta e uccisa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 48 commenti presenti
2019-03-14 13:41:40
Poi le anime belle paventano l'arrivo del "Far West". Veramente questo sarebbe un progresso, perché adesso siamo in pieno Alto Medio Evo. I banditi di strada ti assalgono in pieno giorno, in pieno centro abitato, ti rapinano e ti ammazzano e scappano senza timore di essere fermati. Ma se la povera vittima ne avesse colpito uno in testa con un blocca pedali, le anime belle l'avrebbero condannata a risarcire i danni. italia
2019-03-14 12:45:39
... unici innocenti. i marziani.. lamentarsene è ipocrita.. deboli non si nasce. lo si diventa per varie ragioni. la loro forza sta nella nostra debolezza.. c'è chi li difende. ama. cura e legifera per loro. frateli in pecato e sorel bisognose da amare di più.. ricordatevi di volgere sempre l'altra guancia.. e pure quella del tuo vicino.
2019-03-14 11:49:44
In un passo della bibbia si dice occhio x occhio e dente x dente sarebbe da applicare per tutti i reati di questo genere,ma si sa abbiamo dei magistrati e giudici troppo buonisti dopo 5 minuti sono di nuovo a piede libero e poi abbiamo il Papa non possiamo applicare la pena di morte
2019-03-14 08:57:31
singani, gli uni ed anche gli altri. la signora aveva fatto 5? prelievi da mille euro in 5 bancomat diversi? per conto del suo datore di lavoro? sono proprio curioso di sapere la storia per intero. lo dico da sempre che bisogna colpire anche le donne nella mafia, nello zingaraggio e nei traffici illeciti.
2019-03-14 12:52:23
Non è che quando sa la storia per intero la povera signora resuscita… sempre a pensar male voi...