Mercoledì 13 Marzo 2019, 10:58

Medico contestato cambia incarico: «Ma il paziente sapeva già la verità»

PER APPROFONDIRE: medico, paziente, treviso
Medico contestato cambia incarico: «Ma il paziente sapeva già la verità»

di Lucia Russo

CASTELFRANCO - «Sono rammaricato, ho sempre cercato di essere professionale ed empatico». Queste le parole del medico del reparto di oncologia del quale i parenti di alcuni pazienti avevano denunciato i modi troppo bruschi di comunicare le diagnosi. La decisione del direttore dell'Usl 2 Francesco Benazzi è quella di «impiegare il medico nel laboratorio di day hospital affinché possa riconquistare la necessaria serenità per continuare a svolgere il proprio, non facile, lavoro». Questo l'esito dell'incontro tenutosi nella tarda mattinata di ieri tra il direttore di oncologia e il medico. L'incontro richiesto dallo stesso Benazzi, aveva il preciso obiettivo di fare chiarezza sulla vicenda lamentata dai famigliari di alcuni pazienti del medico che, stando alle loro parole, aveva modi bruschi e troppo diretti, nel rendere nota la condizione di terminale al malato.

 «Sono sgomento e amareggiato e vorrei anch'io fornire la mia versione dei fatti poiché sono stato diffamato e calunniato solo per aver fatto il mio lavoro con scienza e coscienza afferma il medico - Il paziente dopo aver eseguito la biopsia venne da me informato e consapevole della gravità, ha accettato di iniziare le cure specifiche. In tale circostanza e successivamente non mi è stata mai comunicata da parte dei suoi familiari, la loro volontà di non dire al paziente la verità
».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Medico contestato cambia incarico: «Ma il paziente sapeva già la verità»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-03-13 15:20:52
Va licenziato, non cambiato di incarico!
2019-03-14 17:24:37
#scarpegrossecervello... Un medico ha innanzitutto il dovere di essere sincero con il proprio paziente. Io non vorrei mai avere a che fare con un medico che parlasse chiamente con i miei parenti e mi nascondesse (a me che sono la principale interessata) la verità. Bene ha fatto quella dottoressa e mi spiace che per aver agito secondo la propria coscienza deontologica, sia stata punita.
2019-03-13 14:48:03
A volte anche un medico si "brucia "o diventa corazzato .Ci sono appositi corsi universitari tenuti da altrettanto bravi medici psicologi dei medici o propedeutici per guida nel rapporto medico paziente.Anche psicologi nella guida per il percosro curativo col paziente..e tra essi pure si trova sbrigativita'nel seguire un protocollo standard.
2019-03-13 12:59:21
"sono stato diffamato e calunniato"....Come tanti, tutti i giorni, che pero', a differenza, fanno un esame di coscienza!
2019-03-13 18:59:51
Licenziato perché ha detto la verità, come impone la deontologia?