Orge in canonica, il vescovo perdona don Roberto Cavazzana

Don Roberto Cavazzana
PADOVA - Don Roberto Cavazzana, l'ex parroco di Carbonara di Rovolon (Padova) che venne coinvolto nello scandalo delle «orge in canonica» organizzate da don Andrea Contin, verrà reintegrato nel servizio ministeriale. Lo ha annunciato oggi monsignor Claudio Cipolla, vescovo di Padova, in occasione del ritiro d'inizio Quaresima. Dopo lo scandalo, don Cavazzana - noto anche per essere stato il confessore di Belen Rodriguez - ha vissuto per oltre un anno in una comunità religiosa, compiendo un percorso di rivisitazione personale relativo alla propria vocazione.

Dallo scorso settembre don Cavazzana è rientrato in Diocesi, ma prima di essere reintegrato pienamente gli è stato chiesto di prestare servizio di volontariato per un anno, celebrare in privato, vivere in maniera riservata, partecipare agli incontri di spiritualità e di formazione del clero e proseguire il percorso di accompagnamento. Solo successivamente potrà essere inserito in una parrocchia, insieme ad altri preti con i quali fare vita comune. «Chiedo perdono delle parole, dei gesti e di ciò che nella vita ho sbagliato, chiedo perdono se in certi frangenti della mia vita non sono stato vero e di aver ferito la Chiesa», ha detto don Cavazzana.

Il vescovo Cipolla ha ricordato che il sacerdote «con la sua leggerezza ha suscitato disagio, smarrimento, sofferenza e interrogativi tra i fedeli e nelle nostre comunità», dicendo di averlo perdonato «come padre» e di aver previsto «un ulteriore percorso penitenziale. Umanamente - ha concluso il vescovo - restano incertezze, ma a tutti vorrei dire che la misericordia del Signore supera tutte le nostre paure e considerazioni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Marzo 2019, 15:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Orge in canonica, il vescovo perdona don Roberto Cavazzana
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 56 commenti presenti
2019-03-08 09:46:18
Si, d'accordo, errare è umano, in fondo il sacerdote è anche un uomo. Ma...temo non abbia sbagliato una sola volta, se la signora non avesse parlato, avrebbe smesso? Come lui, ce ne erano altri, i nomi ovviamente sono segreti. Come faccio a confidare i miei peccati (decisamente veniali, al confronto) a persone non propriamente clericali? La Chiesa sta perdendo molto..con questo non condanno questi preti. Chi sono io per farlo? Ma.......
2019-03-08 08:48:53
Quante belle prediche rende nulle qs decisione ?
2019-03-08 07:44:11
Fare il prete è un lavoro come un altro e le orge non sono illegali.Se un impiegato venisse licenziato per aver fatto orge a casa sua sareste forse a favore del licenziamento?
2019-03-08 10:21:53
Piano: che credibilità e prestigio potrà mai avere queso sacerdote nella sua nuova parrocchia? La fama dei suoi trascorsi orgiastici lo raggiungerà sicuramente nella sua nuova sede. Che farà? Dirà dal pulpito qualcosa come: "Cari fratelli e sorelle, mi sono dato sì alle ammucchiate, ma ora sono pentito e non lo farò più"? Siamo seri.... SIAMO SERI! Capisco che questo poveraccio se non rimane a fare il prete magari non saprà che fare nè dove andare... ma doveva pensarci prima di calarsi le braghe....
2019-03-08 07:12:15
Il perdono plateale e a mezzo di stampa non è credibile.. Sono quei gesti plateali di falsa bontà umana alla quale siamo abituati da un po'.. Il gesto va condannato con fermezza... E l'ex Sacerdote rimosso.. O dovremmo abituarci a tutto questo per caso.....?