Moneta unica, affare solo tedesco. Ogni italiano ha perso 74.000 euro

PER APPROFONDIRE: euro, italiani, perdita
Moneta unica, affare solo per i tedeschi. Ogni italiano ha perso 74.000 euro

di Pa.Fra.

A 20 anni dall'introduzione dell'euro, il think-thank tedesco Cep (Center for european policy) ha analizzato quali Stati hanno beneficiato dell'introduzione della moneta unica e quali Paesi dell'euro hanno subito perdite analizzando l'evoluzione del Prodotto interno lordo (Pil) effettivo e di quello che ci sarebbe stato in assenza di moneta unica.

 Lo studio giunge alla conclusione che è stata la Germania a beneficiarne maggiormente, l'Italia quella che ci ha perso di più tra gli otto Paesi presi in considerazione.

Dal 1999 al 2017 la stima di arricchimento per la Germania è di quasi 1,9 trilioni di euro cui corrisponde ad un guadagno medio di 23.116 euro in più per abitante. Anche l'Olanda ha ottenuto sostanziali benefici: +21.003 euro per ogni cittadino, così come il Belgio: +6.370  euro per residente.

Nella maggior parte degli altri Paesi, l'euro ha portato invece ad un calo della ricchezza: ogni francese ha perso in media 56.996 euro, ogni italiano 73.605 euro. In Spagna la perdita per abitante è stata di 5.031 euro, in Portogallo -40.604 euro.  Perfino la Grecia avrebbe approfittato dell’euro, con un guadagno di 190 euro pro capite.
Secondo lo studio, il problema della competitività tra i vari Paesi dell’eurozona
«rimane irrisolto" perchè i singoli Paesi non possono più svalutare la propria valuta».

La valutazione è stata fatta estrapolando il trend dei singoli paesi e quindi correggendoli con l’andamento di macrovariabili economiche e confrontando i risultati con un gruppo di controllo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 27 Febbraio 2019, 16:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Moneta unica, affare solo tedesco. Ogni italiano ha perso 74.000 euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 62 commenti presenti
2019-02-28 15:19:07
Questo dimostra la superiore preparazione in economia dei tedeschi rispetto agli italiani. Ah già dimenticavo che come la ciliegina sulla torta ora abbiamo salvini e di maio che lavorano per la decrescita felice. Mi viene in mente, solo per citarne una, il passaggio da lira a euro, la lega con berlusconi hanno nascosto in un cassetto le misure per contrastare i furbi italici che poi hanno lucrato sul cambio, misure che erano state predisposte dai Governi di sinistra. Ma si sa gli italiani li puoi fregare ma non fargli comprendere gli elementi basici dell'economia.
2019-02-28 20:02:21
O mamma mia, la superiore preparazione economica dei tedeschi... questa mi mancava... non hanno più preparazione economica, hanno più voglia di perseguire l'INTERESSE NAZIONALE, cosa che manca a tanti tanti italiani che sanno solo essere autorazzisti.
2019-02-28 15:18:43
Stupidate. L'economia itliana ha risentito di una classe politica che non ha sfruttato la forza dell' euro in acquisto delle materie prime e ha sperperato ricchezza regalandola agli amici. Saremmo messi meglio della Germania altrimenti. Aggiungo che i sindacati non han difeso il potere d'acqusito interno degli italiani . Questi ultimi tanto bravi a parole non vogliono toccare i loro privilegi o lo fanno molto lentamente. Bravi i tedeschi allora. Questi articoli sono fuorvianti e scritti senza valutare tutti gli aspetti legati alla moneta unica.
2019-02-28 20:05:50
La forza dell'euro per acquistare materie prime... e che te ne fai di una catasta di barili di petrolio in casa? L'Italia è un paese trasformatore, compra e rivende, non serve a niente fare scorta di materie prime... nel lungo periodo poi... ma dai...
2019-03-01 12:07:01
Infatti il petrolio cosa ci serve? Ne abbiamo tanto in basilicata.. Ma per favore. Non acquistiamo altro in euro?