Rifiuti tossici, tonnellate di veleni sotterrate nelle strade del Nordest

PER APPROFONDIRE: inchiesta, rifiuti, rovigo, tossici
Rifiuti tossici, tonnellate di veleni sotterrate nelle strade del Nordest
Sviluppi anche a Nordest, purtroppo, nell'indagine milanese sui veleni. Quasi 9mila tonnellate di veleni sarebbero sotterrati nella campagna tra Trecenta e Giacciano con Baruchella. E ci sarebbe il rischio di nichel, cromo, piombo e cloruro "nascosti" nelle strade di ben 19 Comuni polesani. L'inchiesta ha coinvolto  due aziende della Bassa Veronese accusate di ricevere, trasportare e gestire abusivamente ingenti quantitativi di rifiuti, tra cui scorie e ceneri pesanti. Veleni che venivano utilizzati per realizzare strade interpoderali in Veneto, Emilia Romagna e Lombardia.

Sotto accusa  il “concrete green”, materiale di cui sono state prodotte 718mila tonnellate tra il 2013 e il 2016 di cui 309mila sarebbero state usate per rilevati stradali, su strade più o meno “bianche, nelle forme di conglomerato cementizio preconfezionato a basso dosaggio di cemento (non strutturale). Le carte della Dda svelano “il conferimento” a Corbottolo di Trecenta, località sulla sponda sinistra del Canalbianco: tra il 27 febbraio e il 17 marzo 2014 vi arrivarono ben  7.732 tonnellate del materiale incriminato, attraverso 318 viaggi.

Ma anche, poco lontano, a Barchetta nel febbraio del 2014, sarebbero arrivate altre 900 tonnellate di veleni. A rischio poi le strade di comuni come  Arquà, Badia, Bergantino, Canaro, Canda, Castelmassa, Castelnovo Bariano, Costa di Rovigo, Fratta, Gaiba, Melara, Occhiobello, Pincara, Salara, San Martino, Stienta e Villadose, oltre che di Trecenta e Giacciano

Tutto avrebbe origine da un maxi sequestro nel Milanese per  l'indagine partita dopo l'incendio del 14 ottobre scorso, gli investigatori hanno individuato altri capannoni appositamente affittati dagli indagati (anche servendosi di «teste di legno») in località Fossalta di Piave (Venezia), a Meleti (Lodi) e Verona San Massimo (Verona). 

I NOMI DEGLI ARRESTATI Tra i destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere c'è Aldo Bosina, di 55 anni, amministratore della Ipb Italia srl, ritenuto «promotore ed organizzatore del traffico di rifiuti». È inoltre indagato per calunnia. In manette anche il 61enne Giancarlo Galletti e Mauro Zonca, di 59 anni, quest'ultimo amministratore di diritto della stessa società fino all'8 giugno 2018. Massimo Sanfilippo, di 50 anni, amministratore di fatto della Winsystem Groups srl, società intermediaria nel traffico di rifiuti diretti ai capannoni di via Chiasserini, Verona San Massimo e Meleti. Pietro Ventrone, di 35 anni, amministratore di fatto della Waste Solution srl, società intermediaria nel traffico dei rifiuti, nonché della GEA LOG srl. Valentino Bovini, di 45 anni, dipendente della GEA LOG srl come autotrasportatore. Arrestato anche Joskwa Colombo, di 44 anni, amministratore di diritto della Winsystem Groups srl, società intermediaria nel traffico di rifiuti.


Servizi sul Gazzettino del 28 febbraio 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 27 Febbraio 2019, 12:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rifiuti tossici, tonnellate di veleni sotterrate nelle strade del Nordest
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 75 commenti presenti
2019-02-27 21:27:04
Zaia se cisei batti un colpo.
2019-02-27 20:55:20
... eppure l'apparato di controllori non manca. un vero esercito ( provincie, arpav, usl, laboratori ecc.) e neppure la pletora di vigilanti ( cinque corpi di polizia statali, uno cadauno provinciale e comunale, guardie ecologiche, rurali, campestri, idrauliche, venatorie ).. tutti a vigilare .. il criminale nonnetto responsabile del buco dell'ozono ( col fucile ) e del suo cane roky venandi grande inquinatore di terreni e radicchio con la sua pipì.. eppure beccarli è molto facile.. tutte quelle imprese che si fregiano del titolo di " green ", " eco ", " bio " ecc. ti fregano. se le controlli ( come si deve, senza annunciarti un mese prima ) capirai il perchè. anzi vai proprio sul sicuro.. parola di averla avvelenata...
2019-02-27 20:45:55
un pentito di mafia disse"moriremo tutti di tumore"parlando della terra dei fuochi, napoletano(allora ministro dell'interno) fece spallucce, qui nel veneto che produce ma guai dire la verità,già si sta morendo tumore,leucemia ecc.ecc
2019-02-27 19:02:49
È uno scandalo enorme, noto da tempo, speriamo che scoppi nel suo giusto clamore. Un ambiente al collasso… Acqua terra aria avvelenati, ne rispondano chi ha permesso ciò a danno della collettività…
2019-02-27 18:46:38
Nel mio Comune scoprirono che una discarica per inerti aveva ospitato rifiuti speciali pericolosi. Dopo qualche anno uscirono dall'inchiesta, per decorrenze dei termini (prescrizione) gli amministratori pubblici responsabili dell'autorizzazione ambigua. Dopo atri anni la ditta che aceva conferito i rifiuti. Rimasero indagati soo i proprietari della discarica e gli autotrasportatori (prescrizione piu' lunga), ma finii' tutto in gloria anche per loro. Adesso e' rimasta la discarica semi-sequestrata, con i rifiuti a cielo aperto, esposti alle intemperie...