Mercoledì 27 Febbraio 2019, 09:41

Derisero cliente grassa su Whatsapp. I giudici alla Gucci: «Riassumeteli»

Derisero cliente grassa su Whatsapp  I giudici alla Gucci: «Riassumeteli»

di Roberta Brunetti

VENEZIA - Erano stati licenziati in tronco dalla società che gestisce il marchio Gucci: il direttore e 4 responsabili vendite del negozio veneziano di Calle Larga XXII Marzo, la via del lusso a San Marco. Tutti colpevoli, secondo la Luxury good Italia spa, di aver postato su whatsapp tra colleghi immagini goliardiche che ritraevano anche clienti del negozio. Succedeva un anno fa, ma ora il Tribunale del lavoro di Venezia sta annullando quei licenziamenti, in virtù dell'inviolabilità di una chat privata, che va equiparata alla corrispondenza. Una prima commessa era stata reintegrata un mese fa, mentre in questi giorni è stata depositata una seconda sentenza che annulla il licenziamento di un'altra responsabile vendite. Il direttore aveva già optato per una transazione con la società, mentre pende il ricordo di una terza dipendente. Una vicenda che, alla fine, potrebbe costare diverse decine di
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Derisero cliente grassa su Whatsapp. I giudici alla Gucci: «Riassumeteli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-02-27 13:29:17
Una volta c'era solo il segreto del confessionale (forse). Ma se adesso posti elettronicamente qualcosa devi partire dal presupposto che quel materiale, in un modo o nell'altro, potrebbe diventare pubblico e/o finire nelle mani sbagliate. Per altro sarebbe interessante conoscere chi tra i membri della chat "ha fatto la spia" magari con la speranza di far carriera ai danni dei Colleghi
2019-02-27 10:32:48
la tecnologia crea mostri ed alienazione. meglio parlare fra sé e sé, a questo punto.
2019-02-27 17:02:23
Beh visto che il negozio si ritroverebbe lo stesso personale di prima che, comunque sono sicuro non cambieranno atteggiamento ne modo di pensare nei confronti di chi, pur sovvrapeso spende soldoni da loro, per quanto sicuramente staranno attenti, è comunque una cattiva pubblicità a priori per il negozio, tanti auguri.
2019-02-27 20:04:34
Deridere una persona per il suo aspetto fisico è davvero da miseri e miserabili.
2019-02-28 13:22:52
Usanza frequente tra certi commessi... io li avevo beccati a ridacchiare di me aprendo improvvisamente la tenda del camerino di prova...