I ricercatori: «I Pfas riducono fertilità e causano pluriabortività nelle donne»

Martedì 26 Febbraio 2019
16

PADOVA - Il gruppo di ricerca del professor Carlo Foresta presenta uno studio sulle ventenni residenti nell’area rossa Pfas del Veneto: «Il composto chimico - dicono i ricercatori - altera la funzione dell’utero interagendo col progesterone e bloccano i meccanismi che regolano il ciclo mestruale, l’annidamento dell’embrione e il decorso della gravidanza. Inoltre alterano la regolarità del ciclo mestruale e ritardano la comparsa delle prime mestruazioni».

I dati saranno presentati in un Convegno di Medicina della riproduzione al Centro Congressi Pietro d’Abano di Abano nel quale saranno affronatti molti altri temi quali contraccezione, endometrio, le sue disfunzioni e le terapie, età anagrafica ed età biologica della donna, le problematiche legate alla perimenopausa. 

Carlo Foresta è direttore della UOC Andrologia e Medicina della Riproduzione dell'Università di Padova.

Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio, 19:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA