Sciano fuori pista, valanga li travolge Sciatore resta sotto la neve

Sabato 2 Febbraio 2019
16

BELLUNO - Poco prima delle 15 il Soccorso alpino di Livinallongo è stato allertato per una valanga che aveva coinvolto 5 persone, delle quali una rimasta sommersa. I cinque, che stavano sciando nella zona del Passo Pordoi, in località Belvedere, erano usciti dalla pista in neve fresca, quando è avvenuto il distacco che ha travolto uno di loro, uno sciatore di Canazei (Trento). Gli amici sono riusciti a individuare il punto in cui si trovava - i cinque erano sprovvisti di Artva, pala e sonda - mentre sopraggiungeva il personale dell'assistenza piste e del Soccorso alpino. Per il maltempo l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, decollato non appena è scattato l'allarme, è riuscito ad arrivare solo fino ad Arabba, dove la jeep del Soccorso alpino era pronta per il trasporto a monte di personale medico, unità cinofila e tecnico di elisoccorso.  Il giovane travolto è rimasto totalmente sommerso. I 4 compagni, che avevano visto il punto in cui era scomparso, hanno iniziato a scavare con le mani e sono riusciti a individuarlo, dopo avere avvistato uno sci, e subito a liberargli il volto per respirare, mentre  davano l'allarme. Il ragazzo è poi stato estratto dai soccorritori sopraggiunti dalla pista non distante. In via precauzionale e stato trasportato all'ospedale di Cavalese (Tn).

APPELLO- Il Soccorso alpino ricorda il persistere in questi giorni dell'elevato pericolo di valanghe e «invitiamo alla massima prudenza i turisti sconsigliando vivamente escursioni di qualsiasi tipo, dato anche il rischio di probabili distacchi spontanei che potrebbero interessare vie di comunicazione e aree sciistiche. Risulta di fondamentale importanza la dotazione dei dispositivi di autosoccorso, Artva, pala e sonda, anche per muoversi su itinerari consueti, strade forestali, sentieri». 

Questa mattina il Soccorso alpino di Livinallongo è intervenuto per ripristinare i cavi che azionano il semaforo di segnalazione in caso di valanga a Livinè, a seguito del malfunzionamento causato dalla copiosa nevicata. 

I particolari sul Gazzettino del 3 febbraio 

Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 22:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA