Taverna, il Tribunale respinge ricorso della madre: «Lasci la casa popolare»

Paola Taverna

di Simone Canettieri

La madre di Paola Taverna, vicepresidente del Senato del M5S, dovrà lasciare la casa popolare dove abita al Quadraro, periferia est della Capitale. Così ha deciso il giudice Roberta Nardone della sesta sezione del Tribunale civile di Roma che ha rigettato le motivazioni con la quale la signora Graziella Bortolucci, 80 anni, si era opposta all'ordinanza di decadenza non avendo più i requisiti per abitare nella casa.

LEGGI LA SENTENZA

 



La madre della senatrice del M5S è stata anche condannata a pagare le spese giudiziarie all'Ater e al Campidoglio. Appena saranno note le motivazioni della sentenza, l'Ater emetterà un'altra ordinanza di sfratto e il Comune guidato da Virginia Raggi (M5S) dovrà eseguire lo sgombero. 

LA VICENDA
 La donna vive nella casa comunale dal 1994 dove paga un affitto di circa 150 euro, ma da anni ha perso il diritto a vivere nell'immobile. Questo perché la figlia, Paola Taverna è proprietaria di 4/6 di un immobile a Olbia, «partecipato» con delle quote anche dalla stessa madre, nonché di un locale commerciale su via Prenestina e, soprattutto, di un appartamento a Torre Angela. E proprio qui, secondo gli ispettori Ater che hanno concluso l'indagine nel 2014, potrebbe tranquillamente portare sua madre.  Da quel momento sono passati 4 anni, tra controdeduzioni e carteggi, ma l'esito della vicenda appare ancora incerto, anche perché l'anziana ha fatto ricorso.
E alla diatriba legale si sovrappone quella tra palazzi sulle rispettive competenze. Ater ha messo nero su bianco che, da parte loro l'iter si è concluso con l'emissione del decreto di rilascio, impugnato dalla famiglia presso il Tribunale di Roma.  

Quando scoppiò il caso lo scorso ottobre la sindaca Virginia Raggi,  in prima linea per gli sgomberi nella Capitale, disse: «Sicuramente gli uffici - spiega la sindaca - faranno tutte le indagini e si seguirà la legge esattamente come per tutte le altre persone».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 10 Gennaio 2019, 15:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Taverna, il Tribunale respinge ricorso della madre: «Lasci la casa popolare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2019-01-10 19:25:55
chi professa Onesta' onesta' onesta' non puo' avere la madre che abusivamente occupa una casa popolare a roma pagando centocinquanta euro al mese. Da un quarto di secolo.
2019-01-10 18:38:01
Sig. 5ivano5 le rispondo ben volentieri. Come ho scritto in altre occasioni nei miei commenti confido nelle Forze dell’Ordine e nella Magistratura, sempre. A proposito del Senato della Repubblica ho appreso oggi dagli Organi di Informazione che 4 Senatori sono stati “salvati” dai loro Colleghi ai sensi dell’art. 68 della Costituzione, che tratta della famosa e tanto discussa Immunità dei Parlamentari. Di certo il M5S ha votato contro perché confida come me nella Magistratura e nelle Forze dell’Ordine. Indubbiamente questo fatto sarà meno importante della vicenda della madre della Senatrice Paola Taverna.
2019-01-10 19:38:28
Arrampicarsi sugli specchi per te è un gioco da ragazzi.
2019-01-10 19:42:28
Arrampicarsi sugli specchi per te è un gioco da ragazzi.
2019-01-10 21:40:19
Posso capire il tuo stato d'animo. Non dev'essere tanto piacevole passare dalla parte di coloro che si arrogano il diritto di impartire lezioni di onestà, alla condizione di arrendersi al "mal comune mezzo gaudio".