«Lasciate pulito, non siamo a Napoli»: il cartello sui cassonetti fa infuriare i campani /Foto

PER APPROFONDIRE: cartello, napoli, pordenone, rifiuti
«Lasciate pulito, non siamo a Napoli»: il cartello sui cassonetti Le scuse del sindaco: «Iniziativa di un cretino» /Foto
PORDENONE - "Lasciare pulito, non siamo a Napoli". Sono bastate poche parole, lette su alcuni cartelli affissi da ignoti ai cassonetti dell'immondizia, per scatenare il putiferio. Il caso è stato segnalato a Rorai Grande, quartiere residenziale di Pordenone. Alcuni residenti hanno affisso i cartelli sui cassonetti dell'immondizia, pieni di rifiuti nei giorni delle festività natalizie. Un cittadino pordenonese di origini napoletane ha ripreso il tutto e la notizia ha suscitato la reazione stizzita di tanti cittadini campani. Sono partite accuse di razzismo nei confronti dei pordenonesi. Il Comune ha provveduto immediatamente alla rimozione dei cartelli. 



Il movimento di protesta è cresciuto di ora in ora fino a che sono intervenute le istituzioni. «Risale ad un periodo lontano l'immagine di Napoli sfigurata dalla cattiva gestione del ciclo dei rifiuti», ha scritto Flavia Sorrentino, delegata all'autonomia, in una lettera inviata al sindaco di Pordenone. «Civiltà significa rispettare una comunità che rappresenta la terza città d'Italia e che, per vocazione storica e geografica, è capitale del Mezzogiorno».

Le scuse del primo cittadino di Pordenone Alessandro Ciriani sono arrivate a stretto giro: «È stata l'iniziativa di un cretino - sono le parole usate del primo cittadino - quel cartello ha indignato tutti, ma non dobbiamo ingigantire questa vicenda. Il Comune non solo ha preso le distanze, ma ha già provveduto, appena informato dell'accaduto, a rimuovere i tre fogli». «Il gesto scellerato di un singolo individuo - ha concluso il sindaco - non può minare la storia di una città che è fatta di generosità e altruismo, apertura mentale e condivisione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Gennaio 2019, 15:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Lasciate pulito, non siamo a Napoli»: il cartello sui cassonetti fa infuriare i campani /Foto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 45 commenti presenti
2019-01-09 07:36:13
La frase attualizzata dovrebbe essere "Lasciate pulito, non siamo mica a Roma"
2019-01-09 05:59:34
la verita' va rimossa sempre e comunque
2019-01-09 05:49:07
Oh ma non si può più dire niente a nessuno? C'è sempre qualcuno che si indigna e grida al razzismo
2019-01-09 01:26:20
sono napoletano e, per quanto il manifestino non sia un gesto di amicizia tra cittadini di una medesima patria, capisco le obiezioni. Napoli non sempre nella sua storia ha brillato per igiene. da quando era palepoli e dipoi neapoli, tremila anni fa, fino a quando nel '600 era considerata la città più sviluppata d'Europa, la relativa sovrappopolazione ha sovente minato la qualità di aluni servizi. per quesyo mi fa piacere che il primo cittadino dei pordenonini abbia chiarito oggi non vi fossero intenti offensivi. sarò lieto di visitare presto Pordenone e apprezzarne la civiltà, e completare con Gorizia, Isernia e Bassano del Grappa le importanti città che mi mancano del nostro meraviglioso Paese.
2019-01-08 22:59:14
....il politicamente corretto......e' finito.....!