Carige, salvataggio di Stato: pronta la ricapitalizzazione, garanzie sulla liquidità

PER APPROFONDIRE: banche, carige
Carige, salvataggio di Stato: pronta la ricapitalizzazione, garanzie sulla liquidità

di Rosario Dimito

Modello Mps per Carige. Ieri sera un consiglio dei ministri straordinario ha varato un decreto «di tutela del risparmio nel settore creditizio», prendendo alcune decisioni drastiche che ricalcano quelle adottate nel 2017 per Siena. Si legge nella nota diffusa a tarda sera: «In considerazione degli esiti del recente esercizio di stress cui la banca è stata sottoposta, viene prevista la possibilità per Carige di accedere - attraverso una richiesta specifica - a una ricapitalizzazione pubblica a scopo precauzionale, volta a preservare il rispetto di tutti gli indici di patrimonializzazione anche in scenari ipotetici di particolare severità e altamente improbabili (cosiddetti scenari avversi dello stress test)».

I toni della nota diffusa al termine del Consiglio dei ministri paiono improntati alla prudenza, ma a ben vedere si tratta di un intervento già assunto nell'inverno 2016-2017 quando si stava arenando l'operazione di mercato da 5 miliardi di Mps, che venne così sostituita da una ricapitalizzazione precauzione da 8,3 miliardi a carico del Tesoro.

LEGGI ANCHE 
Di là delle assicurazioni che avevano dato nei giorni scorsi i tre commissari, il Messaggero ha potuto appurare che l'esito degli stress test concluso ai primi di novembre ha fatto crollare il Cet1 di Carige al 2-3% nello scenario avverso e questo risultato confluirà nello Srep, cioè nella pagella sui requisiti patrimoniali funzionali alla gestione dei rischi. L'esito verrà comunicato entro fine mese, ma le Autorità, conoscendolo, sono corse ai ripari anzitempo.

LEGGI ANCHE Rivolta della base contro M5S: «Non siamo scemi, basta superc...»

Ciò significa che oltre ai 400 milioni di ricapitalizzazione in cantiere che l'assemblea del 22 dicembre 2017 non ha approvato per l'astensione della Malacalza Investimenti, primo socio con il 27,5%, potrebbe essere necessaria un'ulteriore ricapitalizzazione che, a questo punto, potrebbe avvenire come per Montepaschi con il burden sharing, cioè l'azzeramento dei soci e di alcune categorie di obbligazionisti. Con la conseguenza di una conversione forzosa del prestito subordinato da 318,2 milioni sottoscritto dallo Schema Volontario del Fondo Volontario e di 1,8 milioni del Banco Desio. «La ricapitalizzazione pubblica a scopo precauzionale è da considerarsi ipotesi residuale e non attuale» hanno precisato in serata fonti di governo gettando acqua sul fuoco. Ma il tono della nota ufficiale non lascia dubbi.

Sempre secondo il copione adottato per Mps, il governo ha quindi concesso la possibilità per Carige «di accedere a forme di sostegno pubblico della liquidità che consistono nella concessione da parte del ministero dell'Economia della garanzia dello Stato su passività di nuova emissione ovvero su finanziamenti erogati discrezionalmente dalla Banca d'Italia».

IL PARACADUTE
È questa un'altra misura finalizzata alla tutela del risparmio. Le misure sono state prese «in stretto raccordo con le Istituzioni Comunitarie, tali garanzie saranno concesse nel pieno rispetto della normativa in materia di aiuti di Stato». L'iniezione-tampone sulla liquidità è un paracadute da aprire nel caso in cui dovesse aumentare l'emorragia di depositi, come già avvenuto giovedì e venerdì scorso. Del resto, nella lettera Bce del commissariamento, la liquidità è una delle criticità rilevate assieme alla debolezza patrimoniale conseguenza alla governance caotica.

«Le garanzie sono a tutela dei risparmiatori della banca genovese», ha detto il premier Giuseppe Conte al termine del Cdm, «in modo da consentire all'amministrazione straordinaria di perseguire in piena sicurezza il processo di consolidamento patrimoniale e di rilancio e delle attività dell'impresa bancaria. Vogliamo offrire le garanzie più adeguate». Il Cdm si è riunito d'urgenza dopo una giornata di riunioni dei commissari Pietro Modiano, Fabio Innocenzi e Raffaele Lerner prima con il ministro Giovanni Tria, presente il dg del Tesoro Alessandro Rivera, poi con i vertici del Fondo Interbancario. In quest'ultimo confronto si sarebbe valutato genericamente come modificare il bond anche se, alla luce della decisione del governo, il destino del prestito potrebbe essere segnato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Gennaio 2019, 08:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carige, salvataggio di Stato: pronta la ricapitalizzazione, garanzie sulla liquidità
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 43 commenti presenti
2019-01-08 17:13:45
Le anatre strillanti starnazzano come se il bubbone Carige si fosse materializzato negli ultimi sei mesi...ippppocriti
2019-01-08 18:42:12
Nel 2013 avevano un passivo di un miliardo di euro.....hanno continuato ad elargire mutoi prestiti senza garanzie. Per ora solo gli azionisti hanno perso soldi, per quanto io sia contrario, secondo il sole24ore, ha fatto benissimo il governo a garantire il proseguo. Inoltre ė diverso da quello fatto dal pd, io di finanza non ne capisco, ma non vedo differenze.
2019-01-08 17:08:52
Razdegat ha proprio ragione. Voi non siete mica il PD. Comunque deve convenire che il PD al momento non vi sta insultando come Lei ben ricorderà essere stato fatto da salvini e C., per anni, nei confronti di chiunque affermava che le banche devono essere salvate e non devono fallire facendo perdere ancora più soldi ai risparmiatori Italiani. D'altra parte ai legagrilli dei loro risparmi sembra interessi ben poco visto che auspicano il collasso del sistema bancario. Ricordo che TUTTE le banche sono tra loro collegate. Attendo conferma comunque che salvini e di maio lasciano affossare la CARIGE. Per una volta mi allineo al suo desiderio, da spettatore voglio vedere cosa succede.
2019-01-08 16:14:49
tutelati i risparmiatori, va bene, ma quelli che hanno mangiato e dilapidato tutti i soldi, li vogliamo punire o gli diamo un premio, come al solito?
2019-01-11 21:24:34
la maggior parte di loro sono imprese che godevano del ciclo edilizio, e al crollo dell'edilizia sono saltati, non hanno più potuto rientrare degli affidamenti o pagare i mutui. Più che mangiato e dilapidato, è stato un ciclo economico drogato: l'euro al posto della lira ha creato disponibilità, soldi a basso prezzo, e ne abbiamo abusato.