Tenta di stuprare una 14enne: lei ​si salva con un messaggio whatsapp alla mamma

PER APPROFONDIRE: mamma, minore, stupro, udine, whatsapp
Tenta di stuprare una 14enne: salva  grazie a un whatsapp alla mamma
UDINE - Ha tentato di violentare una minorenne a casa di un amico comune, ma la ragazzina è riuscita a divincolarsi e a mandare un whatsapp alla mamma chiedendo aiuto. Per questo motivo un tunisino di 26 anni, residente a Udine, è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Codroipo della Compagnia di Udine che hanno salvato la ragazzina. È accusato di violenza sessuale, sequestro di persona e violenza a pubblico ufficiale.

È successo la sera del 23 dicembre a Codroipo. La ragazzina, 14 anni, aveva trascorso il pomeriggio e la sera a casa di un compagno di scuola. In serata, per motivi ancora da chiarire, l'adolescente era rimasta nell'abitazione da sola con l'uomo che ha tentato di usarle violenza. Il ventiseienne l'ha palpeggiata e si è denudato per violentarla. La ragazzina è riuscita a divincolarsi e a scrivere un messaggino alla mamma per chiedere aiuto. La signora si è rivolta ai Carabinieri della stazione locale che si sono precipitati sul posto e sono entrati in casa sfondando la porta. All'interno hanno trovato l'uomo nudo e la ragazzina terrorizzata, rannicchiata in un angolo. Il tunisino ha tentato di scappare e ha ingaggiato una colluttazione con i militari dell'Arma, colpendone uno con una bottigliata al capo, ma è stato immobilizzato e arrestato. L'arresto è stato convalidato dal gip che ha disposto per l'uomo la misura della custodia cautelare in carcere. I contorni della vicenda sono ancora tutti da chiarire. Nei prossimi giorni i militari dell'Arma ascolteranno la minorenne in audizione protetta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 28 Dicembre 2018, 12:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tenta di stuprare una 14enne: lei ​si salva con un messaggio whatsapp alla mamma
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 36 commenti presenti
2018-12-29 14:04:13
"Altrimenti ci insultano dicendo che siamo razzisti". Ma lo ha scritto davvero? Seriamente? Mandare una figlia nella tana del lupo per timore di cosa pensa la gente? Meglio una figlia stuprata a 14 anni che essere ritenuti razzisti? Qualcuno mi dica che ho capito male.
2018-12-29 17:55:13
Red credo ci sia un corto circuito informatico tra affermazioni di anton e sua risposta: sono vagamente sconclusionate
2018-12-29 19:30:53
Non ho mica capito.
2018-12-29 00:10:13
Sono curioso di sentire che cosa diranno su questo ENNESIMO episodio, ad opera di una avanguardia del Global Compact, i soliti noti, ai quali e' doverosamente aggiunta di recente Amnesty International. Probabilmente, un bel niente.
2018-12-28 23:06:47
...ma io dico, ma stai per essere violentata e invece di fare una telefonata scrivi un messaggino su Whatsapp con il serio rischio che non venga nemmeno letto in tempi brevi... ?