Reddito di cittadinanza, i consigli di un'imprenditore: il vero nutrimento è il lavoro

Egregi Dr. Conte, sig.ri Salvini e Di Maio,

mi permetto un piccolo suggerimento, da piccolo imprenditore quale sono, nato da una piccola azienda familiare di cui presi le redini a 19 anni, quando mio padre mori e che portai in 35 anni da zero fino a circa 200 dipendenti di oggi, oltre all’indotto altri 250, con 60 milioni di € di fatturato, secondo marchio di spumante nel mondo nel travel retail, dopo Moet e Chandon. Il terzo è Veuve Cliquot.

Lavoro duro, agli inizi dormendo in auto e facendo la barba nelle fontane, piccoli bilanci al limite della sopravvivenza, fatica fisica a portare sacchi di vinaccia che spezzavano la schiena, e ancora oggi, domeniche al lavoro e viaggi in ogni parte del mondo, con l’obiettivo, di dare un futuro alla mia famiglia e a questa azienda.

Ho scoperto che la forestale di Belluno, non ha trova sufficiente manodopera per lavorare e recuperare gli 1,5 mil. di m3 di legame che è stato sradicato dalla forza del vento di pochi mesi fa. Legname pari al disboscamento e fabbisogno di 40 anni e che dovrebbe essere pagato 100 € al m3, ma che invece il mercato, approfittando della situazione, ne offre 15. Legname che deve esser raccolto prima delle stagioni delle piogge, prima che marcisca e diventando inutilizzabile; oltre a tutto se accatastato correttamente, potrebbe poi essere stagionato e venduto correttamente negli anni a venire.

Alle persone che dovrebbero ricevere un reddito di cittadinanza, bisogna chiedere di lavorare per quanto sopra: dare loro la possibilità di guadagnarseli, di avere l’onore di avere un lavoro, di dimostrare che non vogliono essere un peso per nessuno. E dare la stessa possibilità a chi usufruisce dei contributi della disoccupazione.

E non c’è solo la provincia di Belluno che può essere presa come spunto: far costruire beni di pubblico interesse, carceri o ponti, tunnel o strade, coltivare campi o pulire le città.

Sono favorevole a dare un sostegno a chi ne ha bisogno, ma il vero nutrimento per un uomo, è il lavoro e mangiare il pane che ha guadagnato, solo così si sviluppa un il benessere di una società; la cultura italiana, è una cultura di operosità, di gente che nei secoli ha costruito città, palazzi, opere, cibo, industrie, tecnologie, e che ha saputo ed è ancora oggi, capace di essere ai primissimi posti nel mondo nella graduatoria delle economie e al primo posto in tanti settori.

Grazie e buone feste


Sandro Bottega
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 26 Dicembre 2018, 17:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Reddito di cittadinanza, i consigli di un'imprenditore: il vero nutrimento è il lavoro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-12-29 00:49:07
Chi l'avrebbe detto?
2018-12-29 18:40:39
A pensarci bene, il sig. Bottega potrebbe suggerire come si sconfigge la delinquenza al sud, perchè quello è il problema, magari trasferendo delle sue potenzialità anche in Calabria, Sicilia, Campania ecc.
2019-01-02 14:20:02
Bravo. Complimenti per i pensieri espressi e per le parole usate. Speriamo in bene. Speriamo che l'Italia se desti dopo anni di sfascio e di corruttela. Alla faccia di chi invece vede solo campaninismo nord e sud e non vede un millimetro al di la' del suo naso.
2018-12-30 17:26:24
Mi spiace di aver tentato di distrarre il sig. Bottega, che starà sicuramente creando posti di lavoro a Codognè, Godega, San Fior ecc., l'importante è che al sud abbiano capito come si fa, e se non hanno capito problema loro.