Venerdì 21 Dicembre 2018, 09:55

Osterie trevigiane a rischio di estinzione: «Giovani non vogliono imparare»

PER APPROFONDIRE: estinzione, osterie, treviso
Da Muscoli's Mauro e Fabio Tambarotto, eredi della mitica Bepa

di Paolo Calia e Valentina Dal Zilio

TREVISO - Ermes quasi sbuffa dietro al bancone: «Tra cinque anni vado in pensione. E trovare giovani che vogliono intraprendere questa professione è impossibile». Il problema è proprio questo: i locali più tipici della città, lo scrigno delle trevigianità, soffrono di una preoccupante e inarrestabile crisi di vocazioni.

LEGGI ANCHE Bar Alpini, ultime polpette per i clienti: lo storico locale chiude, nessuno vuole rilevare l'attività

Il mestiere dell'oste non attira più, le osterie vere stanno lentamente scomparendo. Ermes, che da trent'anni manda avanti praticamente da solo la piccola attività proprio davanti a Ca' Sugana, lo ammette senza troppi giri di parole: «Quando andrò in pensione non so chi prenderà questo locale, non so se rimarrà ancora così. Adesso è molto difficile trovare ragazzi che vogliano imparare questo mestiere. Si lavora mediamente dodici ore al giorno, sei giorni su sette, e non si diventa certo ricchi. E poi bisogna conoscere i prodotti, i vini, abbinamenti. Vendo vino da tanti anni e le cose da
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Osterie trevigiane a rischio di estinzione: «Giovani non vogliono imparare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-12-22 12:19:34
Da vecchio Gestore ( Mio Nonno, mio Padre, poi io ), posso dire, che non è tanto per le ore, ma le tasse e burocrazia varia...Finanza, NAS, ULSS, Comune..ecc...
2018-12-21 10:08:40
non si diventa ricchi , ma se sei un po sveglio e "batti" il giusto la pensione te la assicuri ...
2018-12-21 14:01:43
Come dire e' un peccato che non ci siano piu' le navi con i rematori legati ai banchi ? Che l'osteria sia aperta anche 24 ore al giorno potrebbe essere auspicabile (per quanto ...) ma NON e' che i dipendenti siano schiavi. Per coprire 72 ore di servizio a settimana servono un paio di dipendenti.
2018-12-21 10:17:53
.....gaudeamus igitur juvenes dum sumus,post jucundam juventutem,post molestam senectutem.....nos habebit humus....nos habebit humus....!....pazienza per i ...profani.....!
2018-12-21 15:32:41
L'oste e' uno dei tanti mestieri a rischio sicurezza. Una volta, quando il cliente aveva bevuto e molestava gli avventori, l'oste poteva sbatterlo fuori a calci e c'erano gli altri clienti-amici pronti a supportarlo. Adesso se un oste prova a difendere il locale ed i clienti viene subito denunciato e se l'ubriaco lo mena, nessuno si sogna di intervenire. sono cambiati i tempi, per questo mestiere ci sono piu' rischi che guadagni.