Manovra, trovati i fondi per deficit/Pil a 2,04%: tassa solo su auto extra-lusso e Suv,
fondi per metro e buche di Roma

PER APPROFONDIRE: cinquestelle, di maio, m5s, salvini
Manovra, alle 20 vertice a Palazzo Chigi. Di Maio: «Ore più importanti dal 4 marzo»
Le coperture ci sono per arrivare al 2,04% del rapporto deficit/Pil offerto all'Europa per evitare la procedura di infrazione. È quanto assicurano fonti di Palazzo Chigi, riguardo ad alcune risorse -oltre tre miliardi- che secondo le voci circolate in questi giorni sarebbero mancate sul tavolo della trattative con Bruxelles. Le risorse, viene inoltre riferito, sarebbero state trovate nelle pieghe del bilancio dello Stato e in totale accordo tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, «sui numeri e sui contenuti della proposta da mandare a Bruxelles». 

Un vertice ristretto di un'ora per affrontare i principali nodi politici. Al tavolo della riunione, iniziata alle 20:15 e terminata alle 21:20, quando è stato poi convocato il vertice allargato, i temi più caldi di quest'ultima tranche della manovra: ecotassa e pensioni d'oro, innanzitutto. Sul primo nodo, fonti del governo M5S spiegano come la volontà di tenere il bonus per chi compra le auto non inquinanti sia ferma senza però introdurre nuove tasse. Le stesse fonti sottolineano come, da parte del M5S, non ci sia nessun arretramento sul taglio fino al 40% alle pensioni d'oro.

LEGGI ANCHE: Il sottosegretario Giorgetti diserta


LE MISURE
Accordo trovato, durante il vertice di maggioranza sulla manovra, sulla famosa ecotassa che, nelle settimane scorse, aveva diviso Lega e M5S: bonus malus soltanto per i Suv e auto extra lusso. Previsti bonus fino a 6000 euro per le auto elettriche e ibride.


Il bonus cultura sarà finanziato solo per acquistare eBook e libri, non per i concerti e i cinema. Fondi per le buche di Roma e metro

Restano i tagli alle pensioni d'oro fino al 40%, battaglia portata avanti dal M5S. Le risorse recuperate 'sforbiciando' le pensioni più alte consentiranno di finanziare opzione donna, ovvero il regime sperimentale che permette alle donne di anticipare i tempi della pensione.


C'è l'accordo sul pagamento dei debiti da parte della Pubblica amministrazione verso le aziende creditrici. Intesa anche sulla riduzione delle tariffe Inail e del cosiddetto 'end of waste' sui rifiuti. ​

Sale, da 40 a 200.000 euro, la soglia per gli appalti diretti per i sindaciDiscussione ancora in corso, invece, sulla Bolkestein «per salvare centinaia di migliaia di posti di lavori tra balneari e mercati».

Reddito di cittadinanza e quota 100 «non sono in discussione». Verranno portate a termine «secondo tempi e modalità note».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 16 Dicembre 2018, 13:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manovra, trovati i fondi per deficit/Pil a 2,04%: tassa solo su auto extra-lusso e Suv,
fondi per metro e buche di Roma
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-12-16 19:33:47
Ho l’impressione che lo “scoglio” più difficile da superare e da accettare non siano questi punti di vista, queste diverse opinioni, che rappresentano per me solo un pretesto, ma qualcosa di molto più importante e temuto: la Legge Anticorruzione del M5S, che dovrebbe essere approvata alla Camera dei Deputati entro il 22 di Dicembre. Speriamo che quello che è stato sottoscritto nel famoso Contratto venga rispettato.
2018-12-16 18:01:43
Ma finitela di giocare a chi la spara più grossa e a quello che la smentisce per primo. Dal 5 marzo son passati nove mesi e questi non si sono ancora accorti di essere loro al governo....solo bla bla bla e niente di concreto che si veda. E pensate che per questi i sondaggio sono in crescita....io non so chi li fa...ma se veri...quanto autolesionisti e bauccccchi siamo...siete?
2018-12-16 16:58:24
Quindi pagheranno ancora quelli che un'auto nuova se la sognano...bene, ottimo, avanti cosi
2018-12-16 16:52:10
Nonostante i correttivi approvati dalla Camera dei Deputati, nel 2019 la manovra di Bilancio costerà al sistema imprenditoriale italiano, per la Cgia di Mestre, 4,9 miliardi di euro. Di questi, 3,1 miliardi graveranno sulle imprese non finanziarie e 1,8 miliardi sugli istituti di credito e sulle assicurazioni. Quanto ha deciso di tirarla ancora a lungo questa sceneggiata il governo? L'Italia e le sue imprese non possono restare legate ad un contratto campato per aria che già dopo 2 mesi dalla sottoscrizione ha evidenziato tutto il suo anacronismo.
2018-12-16 15:38:56
Niente tasse sulle nuove auto, quelle meno nuove le tartasseremo. Pagano sempre i soliti....