Lunedì 10 Dicembre 2018, 09:24

«Noi veneti lavoriamo e poche chiacchiere»: l'intervista con Antonio Finotti

PER APPROFONDIRE: antonio finotti, intervista, lavoro, veneti
«Noi veneti lavoriamo e poche chiacchiere»: l'intervista con Antonio Finotti

di Edoardo Pittalis

L'hanno chiamato il Cuccia veneto e non soltanto perché ha trascorso mezzo secolo al vertice di una delle banche più importanti della regione, che è arrivata, prima del Duemila, ad essere la sesta in Italia per i risparmi raccolti. 
A 90 anni appena compiuti Antonio Finotti, polesano di Loreo, si è alzato dalla poltrona di Presidente della Fondazione Cariparo per sedersi su quella appena creata di Presidente Emerito. In banca era entrato per la prima volta un lunedì di novembre del 1947. A conti fatti dal 1947 a oggi ho fatto più di settant'anni tra banca e Fondazione.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Noi veneti lavoriamo e poche chiacchiere»: l'intervista con Antonio Finotti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-01-17 17:11:58
Anche l'AD di Veneto Banca, Consoli, lavorava. Eccome che lavorava. E lavorava molto...
2018-12-10 18:09:16
Mentre in veneto si lavora senza pensare al sud si pensa lavorando poco, e la differenza si vede. In veneto votano lega da 30 anni per avere la secessione, l'uscita dall'euro e dall'Europa e salvini li ha allegramente scaricati per il sud e per unificare l'Italia, sicuro del fatto che non se ne accorgeranno mai e rivoteranno zaia e la lega all'infinito. Lo dico da veneto, I veneti li puoi fregare ma non riuscirai mai metterli di fronte all'evidenza dei fatti, mai! Abbiamo avuto la prova anche l'altro ieri! Toscani-Toscani.
2018-12-10 11:59:49
Che idiozie, di fronte a milioni di brava gente che mantiene il Paese, guardiamo a qualche mela marcia. Avvilente. Se poi passiamo ai confronti tra noi e mezzo Italia veniamo su come giganti in un mare di mediocrità. Si vede che non sei veneto e sputi sul piatto dove mangi. Squallido!
2018-12-11 13:26:15
Antonio Finotti ha il massimo rispetto da me, MA non basta lavorare. E' successo che, dopo una vita spesa a LAVORARE, coloro che godono la meritata "pensione" siano alla Vittorio Sgarbi, che ha "lavorato" anche a Venezia (quando c'era) o alla padovana Lidia De Biasi Caimano o molti altri che hanno lavorato al MINIMO (spesso alcuni mesi solo, pur godendo ora di una pensione di migliaia di euro al mese) ed hanno sfruttato le LEGGI italiane. Questi sono i FURBI, EROI Italiani...mentre i Fessi sono soprattutto i soliti che LAVORANO e PAGANO le tasse IN Italia, si indebitano o emigrano. Il Lavoro NON basta: e' ns. dovere assumere RESPOSABILITA' per una maggiore EQUITA'.
2018-12-11 15:49:03
Questo è il problema numero uno, si lavora, non si parla, non si pensa e sopratutto la Cultura e il senso Civico da decenni sono stati banditi a favore dei schei. Praticamente il Grande Veneto è morto.