Armi da guerra nei tombini: così i due sinti davano l'assalto ai bancomat

Armi da guerra nei tombini: così i due sinti davano l'assalto ai bancomat
Una banda che faceva esplodere gli sportelli bancomat per asportarne il contenuto è stata sgominata dai carabinieri di Brescia. I Carabinieri del Comando Provinciale, in collaborazione con quelli di Padova, Treviso e Vicenza, hanno infatti eseguito un'ordinanza di custodia cautelare arrestando due italiani di origine sinti, residenti nel Trevigiano e nel Padovano, ritenuti responsabili in concorso con altri due italiani di origine sinti residenti nel Padovano (questi ultimi denunciati in stato di libertà) di detenzione illegale di arma da guerra, ricettazione e furto ai danni di dispositivi bancomat nonché di riciclaggio e incendio.

Perquisizioni sono in corso anche nei confronti di altre sei persone per favoreggiamento reale e personale. Nel corso dell'attività investigativa è stato sottoposto a sequestro un fucile d'assalto con relativo munizionamento, rinvenuto nel Padovano all'interno di un tombino stradale utilizzato come nascondiglio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 16 Novembre 2018, 09:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Armi da guerra nei tombini: così i due sinti davano l'assalto ai bancomat
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-11-16 13:03:29
... dove sia la novità non si sa.. magari solo che le armi più che da guerra erano divenute " chimiche " stando nei tombini... comunque sia se sono sinti qualunque sia la loro residenza " sempre sinti rimangono.. credo, spero, penso che il regno sinti ovunque sia ubicato li reclami a gran voce e come tale va accontentato con la massima solerzia anche con un piccolo obolo per il biglietto di sola andata magari in compagnia dell'opera nomadi e di tutte le nostrane pie donne che tanto li amano e gratificano..
2018-11-16 10:50:48
quindi questi "nomadi=zingari" sono "italiani" e ce li dobbiamo "purtroppo" (de)tenere
2018-11-16 12:53:08
E sono ancora fuori di galera,abbiamo uno stato che fa cascare.
2018-11-16 18:22:32
Sin ti o nomadi rappresentano un grosso problema per chi deve conviverci,ma il problema più grosso è rappresentato da chi si ostina a difenderli sopratutto se fanno parte delle istituzioni. Così di fatto viene dato il permesso di continuare a delinquere. Quanti danni fa il politicamente corretto.
2018-11-16 10:54:13
il "fucile d'assalto" per rapinare i bancomat? forse serviva SOLO per "legittima difesa" se intervenivano guardie giurate o Carabinieri?