Decreto Salvini, primo effetto: espulso il profugo sorpreso con la droga all'ex Serena

PER APPROFONDIRE: caserma, decreto, droga, profugo, salvini, seren, zaia
Decreto Salvini, primo effetto: espulso il profugo sorpreso con la droga all'ex Serena
TREVISO - «Tocchiamo con mano i primi effetti della legalità affermata dal decreto Salvini. Finalmente i delinquenti tornano a casa loro, com’è giusto che sia, e come hanno sancito il Ministro dell’Interno, il Governo e il Parlamento con la fiducia votata ieri dal Senato. Bene così, avanti così». 

Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta la notizia che è stata respinta la richiesta di protezione internazionale di uno spacciatore di droga nigeriano richiedente asilo, sorpreso in flagranza di reato alcuni giorni fa dalla Polizia Locale di Treviso che, nel suo alloggio nella struttura di accoglienza dove era ospitato nella ex caserma Serena di Dosson, ha poi trovato altri 240 grammi di marijuana. L’uomo è ora nel Cpr di Brindisi e verrà espulso.

LEGGI ANCHE - Preso, processato e condannato il grossista dei pusher 

«Per troppo tempo, per anni – aggiunge Zaia – abbiamo dovuto assistere a imprese come quella di questo delinquente troppo spesso accompagnate da una sorta di inaccettabile impunità. Ora basta, l’aria è cambiata anche in Italia, grazie alla concretezza di un lavoro che il Ministro dell’Interno ha portato avanti tenacemente in questi mesi».  «Siamo anche di fronte – conclude Zaia – alla risposta concreta a chi ha criticato il provvedimento sostenendo che non avrebbe funzionato. Invece funziona, alla grande”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 8 Novembre 2018, 16:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Decreto Salvini, primo effetto: espulso il profugo sorpreso con la droga all'ex Serena
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 78 commenti presenti
2018-11-09 11:09:13
il richiedente asilo nigeriano spacciatore è lo stesso che alcuni giorni fa era stato condannato a due anni,rimesso in libertà e rimborsato dei soldi trovati in suo possesso in quanto secondo il giudice non provavano che fossero provento della sua illecita attività.Volevo far presente a Demetan che se questo balordo è stato rimesso in libertà lo si deve ai benefici di una legge del PD del 2014 che disciplina la NON PUNIBILITA' per i reati con una pena non superiore ai 4 anni.Di questa porcata di legge nulla da eccepire?Quindi non è vero ,come ha scritto ieri,che "i magistrati applicano la legge che ha approvato il parlamento da politicanti incapaci come Salvini".Questa odiosa legge ha comportato un aumento dei criminali a piede libero.
2018-11-09 10:46:09
Che sia una guerra persa non ci sono dubbi, metodo pubblicitario in perenne campagna elettorale? Forse si. Però queli che oggi vogliono chiamarsi di sx, la campagna elettorale la facevano al contrario a spese dello stato (forzatura del cambio genetico religioso dello stato), dovrebbero essere incriminati contro l’umanita, compreso soros....
2018-11-09 10:19:37
Come faremo adesso senza queste risorse che ci "innondano" di cultura e sapere, su come cucinare il.... Cuscus??
2018-11-09 08:52:33
beh tanto per "ottimizzare" dovrebbero circondare certi"parchi" e "spedirne a centinaia per volo" mica a uno alla volta [es: a Macerata uno ha detto che ci sono un centinaio di spacciatori che per vivere ...] nota: Macerata come citta'non è grande 41776 abitanti
2018-11-09 08:52:14
sto RAZISMO Contro nostri fratelli mussulmani!" islamofobbia!