Lunedì 29 Ottobre 2018, 10:04

Arriva Adriano Celentano e il teatro "sfratta" tutte e compagnie amatoriali

Adriano Celentano

di Donatella Vetuli

VERONA - Arriva Celentano, e non c'è più posto al Teatro Camploy per le compagnie amatoriali veronesi. La scelta del sindaco Federico Sboarina di affittare da ottobre a marzo 2019 al Molleggiato lo storico edificio che fu, prima, chiesa dedicata a San Francesco, poi asilo notturno e infine teatro, ha creato dissapori, a iniziare dai banchi dell'opposizione consiliare. A dirsi amareggiato per l'operazione è chi per anni ha calcato quel palcoscenico e che si è ritrovato in fretta e in furia, a stagione appena iniziata, a traslocare altrove. I motivi del disappunto sono scritti in una lettera aperta recapitata il 25 ottobre al primo cittadino, con oltre 500 firme, tra attori, rappresentanti di gruppi teatrali, musicisti, allievi di scuole di danza, tecnici, scenografi, costumisti, liberi professionisti, scrittori ma anche comuni cittadini. Si legge: «Nei giorni scorsi (il 25 settembre, ndr) con una improvvisa quanto inattesa
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Arriva Adriano Celentano e il teatro "sfratta" tutte e compagnie amatoriali
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-10-29 21:49:12
Il sindaco di Verona dovrebbe vergognarsi e Celentano visto che ha sempre grandi esternazioni per i più deboli dovrebbe prendere l'iniziativa di trovare un'altro luogo ...
2018-10-30 09:43:56
scusatemi ma non è uno schifo?
2018-10-31 12:11:45
Lo stesso che dire:io sono io (decido io ) voi siete niente ,grande considerazione dei “suoi” cittadini
2018-10-29 13:12:08
Da uno che di cognome fa Sboarina c'era da attendersi questo ed altro
2018-10-29 11:43:26
E cosa c'e' da stupirsi? Gli italiani fanno cosi da sempre. Mandano avanti parenti, amici, qualsiasi cosa gli convenga di piu. Dal posto di bidella, al magistrato. Salvo fare i falsi e gli ipocriti quando a guadagnarne e' qualcun altro. Proprio niente di nuovo sotto il sole.