Sabato 13 Ottobre 2018, 10:43

In un anno raddoppiate le case affittate ai turisti

PER APPROFONDIRE: affitti, case, turisti, venezia
In un anno raddoppiate le case affittate ai turisti

di Daniela Ghio

VENEZIA - Il turismo continua a crescere. A Venezia, ma anche nel resto della città metropolitana, con aumento delle presenze e dei pernottamenti nella città d'arte, nelle spiagge e nell'entroterra. Ed è soprattutto un turismo che cerca cultura: aumentano di un milione le visite ai musei e alle istituzioni culturali cittadine, specie in bassa stagione, passando dai 5.475.671 visitatori del 2016 ai 6.545.275 del 2017 (+5,8%).  Ma su Venezia il dato è un altro: a fronte di tre nuovi alberghi aperti nel 2017, si registra quasi il raddoppio delle strutture complementari, cioè extralberghiere, passate nel giro di un solo anno da 3.706 a 6.005 nel Comune capoluoogo. Sono questi gli elementi principali che spiccano dalla settima edizione dell'Annuario del Turismo 2017. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In un anno raddoppiate le case affittate ai turisti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-10-13 15:50:29
A Venezia l'opportunità di affittare appartamenti a turisti non va affatto a discapito dei residenti. Perché ci sono appartamenti adatti a uso residenziale, altri no, che o si affittano a turisti o restano sfitti. Parlo di appartamenti centenari (tutti lo sono, in verità), affascinanti per un paio di giorni o una settimana, ma di fatto invivibili tutto l'anno. Alcuni perché di troppo ampia metratura e con soffitti altissimi, altri perché umidi e bui. Comunque di costosissima manutenzione, scomodi, dispersivi dal punto di vista energetico. Costruiti per abitanti d'altri tempi, con esigenze diverse da quelle odierne. In ogni caso Venezia è ed è sempre stata una località turistica, per turisti colti, amanti dell'arte, del bello. Nei suoi appartamenti soggiornarono artisti, letterati, musicisti. Insomma non è una novità che a Venezia si affitti a turisti. E' una novità invece che ora siano diventate località turistiche pure Mestre, Marghera, Campalto, Chirignago, Zelarino... cioè quella che una volta era la campagna... Quando mai?
2018-10-13 19:07:29
quelli che lei descrive sono spessp tali da non poter avere -o conservare- il certificato di abitabilita'...
2018-10-14 01:30:59
Non me ne voglia, non parlo con lingua biforcuta ma solo perché l'ho vissuto sulla mia pelle questa situazione poco conosciuta, trent'anni fa non trovavo appartamento in affitto solo perchè ero residente e occorrevano mille raccomandazioni, ora mio figlio che ha quasi trent'anni che non trova, ha battuto a tappeto tutte le agenzie immobiliari di Venezia e Mestre, mi creda gli annunci pubblicati nei vari siti sono solo specchietti per le allodole e richiedono specifici requisiti, impossibili averli, non accettano neppure un garante, una farsa.Aggiungo tra l'altro che una mia amica di nazionalità cinese lavorante a Venezia ha dovuto cercare e attendere per più di un anno un appartamento per se per suo marito mentre il figlio di un anno viveva a conegliano dai nonni, lo vedeva una volta alla settimana.Questa è la cruda realtà di chi da residente cerca alloggio a Venezia. Per quanto riguarda il drenaggio di ricchezza sottratta alla città mi riferisco a tutti quei pendolari di varia nazionalità che intasano bus e vaporetti che lavorano in città e che poi spendono giustamente i loro soldi altrove.
2018-10-14 19:13:11
In effetti trovare un appartamento a uso residenziale in una qualsiasi località turistica penso sia un'impresa difficile. Probabilmente ora dev'essere difficile pure in terraferma, dove, grazie alla città metropolitana, hanno scoperto di poter affittare a turisti anche a Mestre, Marghera eccetera, anche se non possono di certo definirsi località turistiche.
2018-10-13 14:07:22
Il problema è la città metropolitana, che è una bestemmia Venezia non è il centro storico di un grande agglomerato urbano ma una città a se stante. Una città che non ha eguali al mondo, preziosa quanto piccola e fragile. Un gioiello d'antiquariato di inestimabile valore, e come tale dovrebbe essere trattata. L'averla resa centro storico della città metropolitana è stata una condanna a morte. Non ci possono materialmente stare tutti i turisti che di notte albergano qua e là nell'entroterra e di giorno si affollano a Piazzale Roma e Stazione per poi incanalarsi in massa per andare a San Marco e ritorno.