Boy scout 12enne scava un tunnel nella sabbia: la duna crolla e lui muore soffocato

PER APPROFONDIRE: boyscout, duna, sabbia, tunnel
Boy scout 12enne scava un tunnel nella sabbia: la duna crolla e lui muore soffocato

di Federica Macagnone

Gage Wilson era un ragazzino dinamico che si appassionava a tutto ciò che faceva e quando era entrato nei Boy Scouts of America era al settimo cielo: vedeva davanti a sé un futuro pieno di avventure, escursioni, nuovi amici. Non sapeva che, proprio durante un "campo" al Van Buren State Park nei pressi di South Haven, nel Michigan, tutto il suo futuro sarebbe stato spazzato via: a soli 12 anni Gage è morto sepolto da una duna di sabbia.



Attratto dall'idea di mettere subito in pratica alcuni degli insegnamenti che i suoi istruttori gli avevano impartito, sabato pomeriggio Gage si era messo in testa di scavare un tunnel sotto la sabbia, isolandosi per un po' dal resto del gruppo. Un lavoro a rischio che sarebbe stato bene non effettuasse da solo, ma la sua voglia di stupire i compagni era stata più forte della prudenza e lui, tutto solo, ha scavato per un bel po', strisciando nella galleria che man mano diventava sempre più profonda. All'improvviso, però, la duna che lo sovrastava ha ceduto e lui si è ritrovato intrappolato, totalmente sepolto, senza riuscire a venirne fuori. Probabilmente ha tentato di urlare, ma nessuno del gruppo lo ha sentito: erano tutti lontani e, quel che è peggio, nessuno si è accorto della sua assenza per almeno mezz'ora. Quando qualcuno si è reso conto che Gage mancava all'appello, era ormai troppo tardi: compagni e istruttori lo hanno rintracciato rapidamente, scavando sotto la sabbia, ma ormai il ragazzino era in stato di incoscienza e non rispondeva ai tentativi disperati di rianimazione. Una squadra d'emergenza lo ha portato in aereo al Bronson Hospital di Kalamazoo, dove i medici lo hanno dichiarato morto.

Una tragedia per tutti, ovviamente, dalla famiglia alla sezione del Michigan dei Boy Scouts of America, sulla quale pesa l'ombra di possibili responsabilità nella morte di Gage: perché un ragazzino di 12 anni è stato lasciato solo per tutto quel tempo senza che nessuno controllasse cosa stava facendo? Dove erano gli istruttori, ai quali era stato affidato quel gruppo di ragazzini, mentre Gage moriva sepolto vivo sotto la sabbia? Sono interrogativi ai quali, superato il momento del lutto, i responsabili del gruppo scout dovranno dare delle risposte. «Questo è un momento molto difficile per la nostra famiglia di scout - ha scritto su Facebook Donald Shepard, scout executive/Ceo del Michigan Crossroads Council - Porgiamo le nostre più sentite condoglianze alla vittima e alla sua famiglia, che sosterremo in ogni modo possibile». L'organizzazione si è inoltre affrettata a rassicurare i genitori dicendo che il problema della sicurezza dei ragazzi è alla base di ogni attività del gruppo e che i loro figli non corrono pericoli quando sono impegnati nei campi scout di sua competenza. Ma su questo punto le famiglie si stanno ponendo delle domande.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 1 Ottobre 2018, 19:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Boy scout 12enne scava un tunnel nella sabbia: la duna crolla e lui muore soffocato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-10-02 02:57:08
Gli istruttori scout avevano il dovere di salvaguardare il ragazzino. Era sotto la loro responsabilità.
2018-10-02 09:11:52
Aveva proprio ragione Mark Twain.
2018-10-02 12:39:40
mamma mia che disgrazie succedono nel mondo