Psicoterapeuta su La7 attacca il circolo omosessuale “Mario Mieli” e tira in ballo la pedofilia

Martedì 18 Settembre 2018
8
Silvana De Mari, scrittrice, medico e psicoterapeuta, ha di nuovo attaccato il circolo gay Mario Mieli di Roma "gelando" lo studio di 8 e mezzo su La7. Ieri sera la 65enne casertana è stata interpellata in collegamento anche sul tema della violenza  del linguaggio della politica su cui erano intervenuti gli ospiti, i giornalisti Giovanni Floris e Aldo Cazzullo  e lo scrittore Paolo Giardano.

Nel suo intervento la De Mari, riprendendo un suo articolo pubblicato dalla Verità, ha parlato degli effetti di una "dittatura delle minoranze" e del "buonismo": nel testo si invita "a fare corsi per diventare leoni e leonesse per smontare i discorsi manipolatori che fanno sì che che ci si preoccupi di condannare l'omofobia e l'islamofobia mentre non ci si preoccupa delle migliaia di cristiani uccisi in Nigeria". E poi che "in Italia non ci sono diritti uguali per tutti". Il dibattito si è poi allargato al diritto di parola e alla violenza dei social. A questo punto la scrittrice ha voluto fare un esempio. E ha citato "il circolo Mario Mieli di Roma che riceve finanziamenti pubblici per iniziative culturali nonostante simpatizzi per pedofilia e coprofagia, come riportava Mieli nei suoi testi".

Considerazioni che in passato la psicoterapeuta aveva già espresso in trasmissioni radiotelevisive. insieme alla definizione "dell'omosessualità quale una malattia". Dichiarazioni che hanno portato all'apertura di procedimenti penali nei suoi confronti .

La Gruber ha allora invitato gli altri ospiti ad aiutarla a riportare il dibattito nel tema originario. Nel frattempo sui social, com'era prevedibile, il mondo lgtb ha contrattaccato accusando di omofobia la scrittrice.  Ultimo aggiornamento: 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA