Domenica 16 Settembre 2018, 11:34

Il nostro Nevegal non vuole morire. Scatta la protesta degli operatori

PER APPROFONDIRE: chiusura, nevegal, protesta, sci
Il nostro Nevegal non vuole morire  Scatta la protesta degli operatori

di Damiano Tormen

BELLUNO - A vederle da lontano, sembrano tre bandiere bianche. Sono apparse ieri mattina in Nevegal: tre lenzuolate appese ai tre pali della luce che si affacciano sul Piazzale. Ma sventolano bandiera bianca: tutt'altro. Lanciano un segnale: il Nevegal non è morto e venderà cara la pelle.



Perché gli operatori non hanno nessuna intenzione di veder morire il loro lavoro, oltre che la loro montagna. E da qui alla scadenza del 30 settembre metteranno in atto una serie di azioni per cercare di salvare il Colle dalla fine. La prima mossa è quella di una lettera inviata al sindaco Massaro e firmata da tutti gli operatori del Colle, persone fisiche che perderebbero il
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il nostro Nevegal non vuole morire. Scatta la protesta degli operatori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-09-16 16:00:21
Yeah!!quest'anno sci alpinismo e snowboard nel bosco a manetta senza che nessuno ci possa fare multe!!da bellunese mi dispiace,ma i gestori hanno tirato troppo la corda in questi ultimi anni..gli impianti andavano sostituiti prima,nel 2018 nn ci si può mettere tutto quel tempo per partire dal piazzale e arrivare in cima alla Coca Alta..e incentivare lo sci alpinismo,non boicottarlo..
2018-09-16 12:20:56
Capisco la preoccupazione e il dispiacere di tutti coloro che hanno degli interessi sul Nevegal. Anch’io se avessi fatto degli investimenti come operatore economico o privato sarei dispiaciuto di come si sono messe le cose. Una soluzione a mio giudizio ci sarebbe: che tutti coloro che non vogliono che questa località ne risenta contribuiscano ovviamente volontariamente con una somma proporzionale per esempio alla loro proprietà. L’unione fa la forza.
2018-09-16 16:27:04
Penso che 100000 Euro sia la punta dell'iceberg, a mio parere al nevegal e' tutto da rifare,nel passato si sono tappati solo buche
2018-09-16 13:57:00
Concordo pienamente con i vostri commenti. Basterebbe una piccolissima tassa e sono convinta che i bellunesi sarebbero d'accordo. Il Nevegal è la montagna di casa, a circa 7 Km da Belluno centro. Ho abitato in Via Montegrappa ed era una passeggiata per me e i miei parenti. Conosco i bellunesi, sono sicura che si daranno da fare. Forza belumàt!!
2018-09-16 13:04:51
Se il problema sono 100000 €uro da trovare, non mi sembra una cifra impossibile, visto che ci sono in ballo l'economia di una zona e decine di posti di lavoro! In un Paese con un'economia che parla di decine di miliardi come fossero noccioline, mi sembra che la cifra di 100000 sia ridicola (il costo medio di un piccolo appartamento).