Allarme Tbc, Ciambetti: «Un immigrato malato è fuggito dalla struttura»

Allarme Tbc, Ciambetti: «Un immigrato malato è fuggito dalla struttura»

di Luca Pozza

SANDRIGO - Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto, è intervenuto oggi sulla vicenda che riguarda l'allarme dei casi di tubercolosi (Tbc) che interessa anche la provincia di Vicenza. Nell'esternare la sua preoccupazione Ciambetti riporta un episodio avvenuto in questi giorni all'ex hotel Virginia di Sandrigo, adibito a struttura di accoglienza di profughi. 

«E' grave sapere - il grido d'allarme di Ciambetti - che un immigrato clandestino colpito da questa malattia si è dato alla fuga, diventando un potenziale veicolo infettivo. Non nascondo che l'isolamento degli spazi in cui è vissuto a Sandrigo e lo screening di coloro con cui l'ammalato è entrato in contatto siano misure sicuramente drastiche ma utili anche per tranquillizzare la popolazione. Non sappiamo dove si trovi ora questo straniero, di certo nei giorni precedenti al suo allontamento sarà rimasto a contatto con diverse altre persone presenti nella struttura».

«Da noi la stragrande maggioranza dei casi - aggiunge il presidente del Consiglio regionale - si registra tra extracomunitari molti dei quali clandestini che non capiscono la pericolosità della loro situazione. Con il clandestino ammalato di Tbc fuggito da Sandrigo abbiamo una ulteriore riprova di quanto abbiamo detto da anni: la cittadinanza è chiamata a pagare i costi non solo economici ma anche sociali e sanitari di politiche scellerate in cui c'è chi ha fatto i soldi a palate». 

«Sono preoccupato - conclude Ciambetti - e mi riferisco anche al passaggio dai 16 casi registrati nel 2015 ai 40 già individuati quest'anno, registrato nella provincia di Vicenza, dato che non va sottovalutato ma nemmeno enfatizzato. L'incremento dei casi di Tbc e la diffusione di questa malattia gravissima tra immigrati ed extracomunitari richiede una energica e tempestiva risposta da parte delle autorità sanitarie. Sono sicuro che la sanità vicentina metterà in campo ogni forma di profilassi utile a contrastare efficacemente il fenomeno». 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 11 Settembre 2018, 18:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Allarme Tbc, Ciambetti: «Un immigrato malato è fuggito dalla struttura»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-09-11 19:27:29
LA GLOBALIZZAZIONE FORZATA E LE CONSEGUENZE. TRAFFICO DI ESSERI UMANI E SCHIAVIZZAZIONE DEGLI ITALIANI FINO ALLO STERMINIO DA PARTE DELLO STATO ITALIANO E DALLA COMUNITA’ EUROPEA. Se a partire da 35€ al giorno è la spesa per mantenere un diversamente regolare in Italia cure comprese senza che questi producano reddito (lavorino) e naturalmente con i soldi degli italiani; quanto costa un italiano mantenuto dallo Stato italiano e dai diversamente regolari? Se per ipotesi, quegli accordi e trattative che fanno con i loro paesi di origine per prendere in giro gli italiani, non è invece che si tratti di scambi commerciali tipo: Petrolio, minerali preziosi, armi, denaro, droga, prostituzione, malattie in cambio di esseri umani? Ricordate un discorso fatto da un rappresentante istituzionale? Eccolo descritto: “ Nell’era globale tutto si muove. Si muovono i capitali. Si muovono le merci. Si muovono le notizie. Si muovono gli essere umani. E non solo per turismo. E i migranti oggi sono l’elemento umano. L’avanguardia di questa globalizzazione. E ci offrono uno stile di vita che … presto sarà uno stile molto diffuso per molti di noi. Loro sono l’avanguardia di quello … dello stile di vita… che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi…”. Mentre gli italiani faticano ad arrivare a fine mese , le Istituzioni non sanno , o meglio ci vogliono far credere che per rimandarli indietro da dove sono partiti, bisogna fare accordi con i loro stati. Queste sono menzogne! Le Istituzioni stanno raggirando gli italiani. Gli italiani sono esasperati e indotti in schiavitù. Il sistema che sta adottando lo Stato, si chiama: Schiavizzazione 2.0. Gli italiani sono costretti a lavorare per pagare tasse fino alla morte con una piccola percentuale di sopravvivenza. Se non riesci a pagare le tasse, ti seviziano costringendoti a pagare il doppio, in caso contrario, ti sequestrano tutto e ti buttano in mezzo ad una strada. Se invece stai abbastanza bene e raggiungi la pensione, allora lo Stato italiano, con le loro leggi, favoreggia i criminali a rubarti i beni materiali con la forza fisica anche abbattendoti. Se tenti di difenderti, lo Stato ti fa pagare le spese processuali, inoltre dover risarcire il delinquente. Ci stanno schiavizzando e sterilizzando con la tassazione, impossibilitati di procreare figli per l’alto costo per sostenere le spese dei figli. Nello stesso tempo, lo Stato sta sostituendo gli italiani con diversamente regolari tramite i falsi benefattori (traditori degli italiani), con il coinvolgimento anche della Chiesa. Gli italiani sono indotti in schiavitù e all’estinzione. Si sta ripetendo la storia dello sterminio del periodo trascorso tra il 1939 al 1945 agli Ebrei, in questo caso in stile moderno e sul popolo italiano con il sistema della coercizione. Giovanni Romagnollo
2018-09-11 19:10:39
Uno solo ? Magari ...
2018-09-11 20:56:13
ma pensate che tante malattie cadano dal cielo?? tutti questi clandestini che arrivano ne portano a vagonate di malattie. bisogna dare da mangiare in africa e che restino la..
2018-09-11 21:22:14
Hahahaha... ha fatto bene a fuggire, cosi non serve indagare l’albergatore per sequestro di persona.., dove sono i pm siciliani? Robe da matti...
2018-09-12 11:04:05
ma a chi volete far credere che ce ne sia uno ogni tanto di "doni" malaticci se la tbc (sparita negli anni '60) è ricomparsa da una decina di anni nel paese di "frottolo"!