Tre amici in moto si urtano in corsa, 24enne cade a terra e muore

Tre amici in moto si urtano in corsa, 24enne cade a terra e muore

di Cesare Arcolini

PADOVA - Gravissimo incidente questa sera a Saonara in provincia di Padova. Lo schianto è accaduto poco prima delle 20 in via dei Vivai, di fronte al distributore Q8. Coinvolte due moto entrambe finite a terra e quella di un terzo amico rimasto illeso. Uno dei motociclisti - un 24enne di Piove di Sacco, Luca Mattietto - che viaggiava su una Kawasaki 750, è apparso subito in gravi condizioni. Sul posto è intervenuto l'elisoccorso del Suem di Padova e i medici hanno cercato a lungo di rianimare il ferito. Ma non c'è stato nulla da fare, è morto poco dopo l'incidente. Ferito, non gravemente al polso, anche il secondo motociclista che viaggiava su una Yamaha, travolta da un Fiat Doblò.

Secondo una prima ricostruzione si tratta di tre amici in sella a due moto che si sarebbero toccate in corsa. I motociclisti hanno perso il controllo del mezzo e sono caduti a terra. Uno dei tre sarebbe stato investito da un furgoncino che strava transitando lungo la strada. Sul posto a fare i rilievi  la polizia stradale.

La vittima aveva un fratello, Jacopo, studente universitario di Informatica, e moltissimi amici e faceva l'elettricista nell'azienda del padre. 
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 8 Settembre 2018, 19:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tre amici in moto si urtano in corsa, 24enne cade a terra e muore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 48 commenti presenti
2018-09-09 12:00:34
Adesso sinceramente, senza alcun intento polemico e con il rispetto assoluto che accompagna la morte di un giovane per una tragica fatalità, ma io dico: cadere da una moto è trovarsi contro la fisica, sei tu che a corpo libero devi fermarti, se sei fortunato da non incontrare ostacoli, bene, altrimenti è la fine. Ora se questi incidenti avvenissero in auto, credete che avremmo lo stesso numero dei morti? Avremmo al massimo qualche portiera ammaccata da tirar sù in carrozzeria. La moto è troppo pericolosa per chi la guida e pure per gli altri, per chi, inavvertitamente ne viene coinvolto, indipendentemente da chi col suo comportamento, ne è causa, sono stufo di sentire l'eterno dibattito fra le tesi del "motociclista spericolato" vs "automobilista distratto". Se vuoi viaggiare in moto quindi privandoti delle minime protezioni in caso di urto, è una tua scelta, una tua passione, la rispetto, ma se un altro è chiamato a rispondere di omicidio stradale per questo, non mi va più bene. Condoglianze alla famiglia e solidarietà all'autista del furgone.
2018-09-09 10:14:27
solidarieta' al conducente del furgone
2018-09-08 20:40:44
motociclisti... sempre loro!...
2018-09-08 20:52:04
mi dispiace per quello del furgoncino. oltre ad aver rogne adesso avrà anche scrupoli di coscienza pur non avendo nessuna colpa.
2018-09-08 21:04:55
Non vorrei trovarmi nei panni di quello del furgoncino, per colpa di questi appassionati e scapestrati che mettono in pericolo pure gli altri viandanti. L’ho scritto piu volte, se ci sono persone che detestate e che non potete vedere, perche non gli regalate la moto?