Sabato 8 Settembre 2018, 18:59

Profughi, porte chiuse del Comune "Spediti" a Udine e Trieste

PER APPROFONDIRE: controlli, pordenone, profughi, pugno duro
Controlli sui profughi al Bronx di Pordenone

di Marco Agrusti

PORDENONE  Poche settimane fa, il vicesindaco Eligio Grizzo aveva annunciato un incontro con il nuovo prefetto, Maria Rosaria Maiorino. Al centro del dibattito ci sarebbe stata la linea dura del Comune sul tema dell’immigrazione. Dai porti chiusi del ministro Matteo Salvini, alle porte chiuse della giunta Ciriani, che non voleva e non vuole altri arrivi in città e in provincia.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Profughi, porte chiuse del Comune "Spediti" a Udine e Trieste
CONDIVIDI LA NOTIZIA
APPROFONDIMENTI
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-09-09 18:24:58
Le anime belle sostengono che se TUTTI gli 8000 e passa Comuni italiani "accogliessero" il problema non esisterebbe. Dimenticando che la maggior parte dei Comuni e' talmente piccolo che potrebbe accogliere mezzo migrante (in rapporto ai residenti). Senza contare che ciascun "minore richiedente asilo" puo' costare alle casse comunali fino a 100 euro al giorno, sottratti ai poveri locali.
2018-09-10 12:53:36
I Comuni italiani sono 7.954 e quelli con meno di 150 cittadini sono 135. In Italia ci sono 5.543 comuni sotto i 5.000 abitanti, che rappresentano il 69,69% del numero totale dei comuni italiani. Il Piemonte è la regione che ha il maggior numero di piccoli comuni. Ne conta 1.062, cioè il 19,16% del totale nazionale, seguita a ruota dalla Lombardia con 1.047.
2018-09-09 15:51:49
Guardate bene chi sono e se illegittimi, spediteli nel loro paese.
2018-09-10 12:55:46
Diciamo che questo è quanto dovrebbe fare il Ministro degli Interni. A quanto pare, invece, sembra che al Viminale si faccia altro. Forse è per questo che la magistratura ha attenzionato il Ministro (in)competente?
2018-09-09 13:42:38
Attendiamo che la Giunta Comunale, per coerenza al diktat profughi (non clandestini) ovvero per evitare equivoci, chiuda per bene le porte anche sul gonfalone cittadino.