Sabato 8 Settembre 2018, 18:59

Profughi, porte chiuse del Comune "Spediti" a Udine e Trieste

PER APPROFONDIRE: controlli, pordenone, profughi, pugno duro
Controlli sui profughi al Bronx di Pordenone

di Marco Agrusti

PORDENONE  Poche settimane fa, il vicesindaco Eligio Grizzo aveva annunciato un incontro con il nuovo prefetto, Maria Rosaria Maiorino. Al centro del dibattito ci sarebbe stata la linea dura del Comune sul tema dell’immigrazione. Dai porti chiusi del ministro Matteo Salvini, alle porte chiuse della giunta Ciriani, che non voleva e non vuole altri arrivi in città e in provincia.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Profughi, porte chiuse del Comune "Spediti" a Udine e Trieste
CONDIVIDI LA NOTIZIA
APPROFONDIMENTI
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-09-09 13:35:20
Nell'articolo viene citato il fatto che alcuni, dai giornali chiamati profughi ed io invece chiamo richiedenti asilo, si sono macchiati di vari reati e quindi il prefetto ha annunciato che si sono auto esclusi dal progetto d'accoglienza. Ora devono mantenersi da soli. Questo prevede la legge. Questi hanno scambiato l'Italia come il paese delle meraviglie. Sarebbe proprio il caso che tutti i prefetti in tutta Italia applicasseroo la legge.
2018-09-09 13:18:01
Ce ne sono tanti che vogliono attraversare la frontiera e non possono farlo, praticamente sono sequestrati nel ns territorio, perché non interviene la magistratura per sequestro di persona? Ha si, lei ha solo competenza nel ns campanile...
2018-09-09 15:51:49
Guardate bene chi sono e se illegittimi, spediteli nel loro paese.
2018-09-09 18:24:58
Le anime belle sostengono che se TUTTI gli 8000 e passa Comuni italiani "accogliessero" il problema non esisterebbe. Dimenticando che la maggior parte dei Comuni e' talmente piccolo che potrebbe accogliere mezzo migrante (in rapporto ai residenti). Senza contare che ciascun "minore richiedente asilo" puo' costare alle casse comunali fino a 100 euro al giorno, sottratti ai poveri locali.
2018-09-10 18:02:28
Dal 1951 sono passati quasi 80 anni. Nel 1951 NON si poteva divorziare, NON si poteva abortire, in molti paesi ONU le donne NON potevano votare. In molti paesi la pena di morte era la norma e gli imperi coloniali erano ancora la norma. Le leggi dovrebbero evolvere TUTTE in base alle mutate condizioni di vita o no ?