Il movente di Blerta: «Non volevano sposassi un italiano. Non ho sparato io»

Blerta Pocesta
SACILE - Blerta Pocesta, la giovane macedone arrestata con altre due persone con l'accusa di essere responsabile dell'uccisione del padre, della madre e della sorella minore, avrebbe organizzato il triplice delitto perché la famiglia non le consentiva di sposarsi con un italiano.

A riferirlo è il quotidiano macedone in lingua albanese Koha. «Non mi permettevano di sposare un italiano», scrive il giornale citando la donna 28/enne per la quale i giudici macedoni, analogamente agli altri due sospettati, ha disposto per ora trenta giorni di carcere. Blerta, secondo Koha, ha ammesso di aver organizzato la strage familiare negando tuttavia di essere stata lei materialmente a sparare e a uccidere genitori e sorella. Tuttavia, osserva il giornale, inquirenti e medici legali hanno rivenuto nella casa della strage tracce solo sue e non di altre persone. Citando la polizia italiana, Koha afferma al tempo stesso che Blerta Pocesta faceva uso di droghe e che in Italia era registrata come tossicomane.

L'uccisione di Amid Pocesta (55 anni), della moglie Nazmije (53) e della figlia Anila (14), famiglia macedone di etnia albanese e religione musulmana che risiedeva da tempo a Sacile ( Pordenone), è avvenuta il 27 agosto scorso nella loro casa di Debar, località dell'ovest della Macedonia al confine con l'Albania, dove era tornata in occasione di un matrimonio.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 5 Settembre 2018, 17:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il movente di Blerta: «Non volevano sposassi un italiano. Non ho sparato io»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2018-09-05 19:00:47
se tutti noi dovessimo aver ammazzato i familiari perche' nn d'accordo per le ns fidanzate/mogli/compagne/mariti ecc... ecc... oggi saremmo in 4 gatti in Italia... suvvia...
2018-09-05 18:24:51
Non credo assolutamente a questa versione. La ragazza era maggiorenne, laureata e con un lavoro che la portava spesso all'estero. I genitori non potevano impedirle proprio niente. Ho letto che in Italia è conosciuta come tossicodipendente. Penso che il motivo sia solo ed esclusivamente il denaro.
2018-09-05 18:50:40
Albanese, tossicomane, musulmana e promessa sposa ad un italiano …. e poi che altro ??? Mi attendo smentite. PS Per la vedova 74enne casertana e della ragazzina veneziana inseguita dall' " uomo nero ", si sa più niente ???
2018-09-05 17:59:31
E mandare a quel paese i genitori e fare lo stesso quello che voleva sposando l’italiano? Se i genitori sono trogloditi vanno evitati...
2018-09-05 18:20:50
Non vorrei proprio essere il suo futuro marito