Marocchino arrestato: «Sì, rubo rifiuti: così mantengo famiglia e 3 figli»

PER APPROFONDIRE: arresto, ecocentro, furto, sospirolo
Marocchino arrestato: «Sì, rubo rifiuti: così mantengo famiglia e 3 figli»
SOSPIROLO - «Ho tre figli e ho perso il lavoro: prendere quegli oggetti all'ecocentro mi permettono di dare da mangiare alla mia famiglia». Brahim El Aabbassi, 43 anni, si è difeso così ieri di fronte al giudice, nel processo per direttissima per il furto all'ecocentro di Sospirolo, che si è svolto in Tribunale a Belluno. Il marocchino, che abita a Giavera del Montello (Tv), era arrivato in provincia la notte tra sabato e domenica e si era introdotto nell'area di via Capoluogo. Ha raccontato al giudice di aver scavalcato la rete e di aver aperto il container dove c'erano le batterie con un cacciavite trovato sul posto. Quella notte era stato intercettato però dai carabinieri di Sedico, che stavano svolgendo controllo del territorio in quella zona. Molti sindaci, infatti, hanno segnalato ammanchi dagli ecocentri comunali e per questo sono stati intensificati i passaggi dei militari, per sventare eventuali furti. Ieri ha parlato in aula anche il comandante dei carabinieri di Sedico, maresciallo Marco Decò.
El Aabbassi, colto in flagranza, è finito in manette con l'accusa di furto aggravato e è stato rinchiuso nel carcere di Baldenich. Ieri, scortato dalle guardie penitenziarie, è arrivato in aula. Ad attenderlo la moglie, con un neonato in braccio. Con lei, che non parla italiano, un'amica per la traduzione. Il 43enne era difeso dall'avvocato Eliana Mezzacasa che ha chiesto e ottenuto il patteggiamento a 8 mesi di reclusione. Nessun beneficio di legge, perché il marocchino ne ha già usufruito. L'uomo, attualmente, ha l'obbligo di firma. Ieri al giudice ha spiegato bene come funziona quel tipo di lavoro. Secondo l'accusa quando è stato arrestato aveva già rubato batterie esauste e cavi con rame per 250 euro. «Ci avrei ricavato al massimo 40 euro - ha detto il marocchino - io li prendo alle discariche poi passano i neri che me li comprano e li portano in Africa. Ero operaio edile, ma non ho più lavoro. Solo così, tiravo avanti».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 5 Settembre 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Marocchino arrestato: «Sì, rubo rifiuti: così mantengo famiglia e 3 figli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2018-09-07 08:03:28
sono questi onesti lavoratori che ci pagano la pensione.... vero boeri e sboldrine varie!!! io se fossi in lui chiederei di essere iscritto alla gestione separata, quella dei liberi professionisti...
2018-09-06 14:56:53
Si ruba per necessità, si spaccia la droga per necessità, si violenta per necessità ecc. In che paese siamo!!!
2018-09-06 14:42:02
"Sì, rubo rifiuti: così mantengo famiglia e 3 figli" come milioni di italiani che pero' NON rubano e NON vengono mantenuti dal comune di residenza!! Sbatterlo in galera immediatamente...salvo giudici di cuore..
2018-09-06 11:54:27
I marocchini devono stare in marocco. Gli africani devono stare in africa. I thailandesi in thailandia. I eschimesi in congeator. Tutti devono stare a casetta loro. Tutti. Prima o dopo la pignatta scoppia....
2018-09-07 13:57:36
Anch'io ho trovato il posto dove far stare i moderni comunisti ma non lo posso dire pubblicamente, mentre loro possono liberamente dire dove posso stare io.