Imprenditore tiene la dipendente e amante segregata in un cassone. Chiusa due settimane e torturata

Imprenditore tiene la dipendente  e amante segregata in un cassone
VERONA - Sequestro di persona e tortura: sono le accuse con le quali un imprenditore agricolo bolzanino di 53 anni, residente in provincia di Verona, è stato arrestato dai Carabinieri di Villafranca di Verona e dalla Polizia Stradale, che hanno tratto in salvo una donna polacca di 44 anni che è stata segregata per due settimane, rinchiusa in un cassone per contenere le mele nelle campagne ai confini con l'autostrada Milano-Venezia, nelle vicinanze di Sommacampagna (Verona). La donna è stata tenuta sotto il sole e con la bocca tappata dal nastro adesivo.

La 44enne, che avrebbe avuto anche una relazione con l'imprenditore,  Reinhold Thurner, di 53 anni, arrivava da Varsavia, dove vive con la famiglia, per lavorare nei campi dell'uomo. Lo scorso 14 agosto una discussione è degenerata e l'uomo l'ha rinchiusa nel cassone, nel quale la 44enne è rimasta segregata per due settimane, sotto il sole cocente, con il datore di lavoro-aguzzino che le faceva portare da bere e da mangiare, ma solo una mela e mezzo litro d'acqua al giorno. I lamenti della donna, ormai sfinita, sono stati sentiti dai giardinieri che stava lavorando per l'autostrada Brescia-Padova. Insieme all'intervento delle forze dell'ordine sono riusciti a porre fine alla prigionia della signora che è stata ricoverata in stato di choc all'ospedale di Villafranca. Per l'uomo si sono aperte le porte del carcere veronese di Montorio.

In carcere è finito anche un altro dipendente: un 32enne polacco che portava materialmente il cibo alla donna.

L'IMPRENDITORE ERA GIA' STATO DENUNCIATO PER VIOLENZA SESSUALE SU MINORE
Era stato denunciato dieci anni fa per violenza sessuale nei confronti di una minore l'imprenditore bolzanino di 53 anni arrestato con l'accusa di sequestro di persona e tortura. I carabinieri hanno provveduto a denunciare un complice dell'uomo, un polacco di 32 anni suo collaboratore agricolo, che lo ha aiutato a imprigionare la vittima.

LE REAZIONI 
“L’episodio accaduto a Sommacampagna, nel Veronese, è raccapricciante, mi auguro che la Regione si costituisca parte civile contro questo criminale”. L’auspicio è di Andrea Zanoni, consigliere trevigiano del Partito Democratico, commentando la terribile scoperta dei carabinieri di Villafranca: una donna polacca segregata in un cassone per le mele dal suo aguzzino, un imprenditore di Bolzano residente da tempo in Veneto, con cui aveva una relazione al termine di una lite. “A leggere il racconto sembra di essere tornati indietro di due secoli, nell’America schiavista: una persona tenuta in gabbia sotto il sole per due settimane a causa di una lite. Mi aspettavo una parola, o anche un tweet, dal sempre loquace ministro dell’Interno Salvini, visto che oggi era in Veneto a pochi chilometri di distanza. Invece, nonostante la gravità del caso con l’aguzzino accusato di sequestro di persona e tortura, non ha detto niente. Stesso silenzio da parte di Zaia e della sua maggioranza. La violenza di genere - sottolinea Zanoni - è una piaga che non ha colore né nazionalità e va combattuta con maggior forza e convinzione. È necessaria una battaglia culturale per educare le nuove generazioni, ma occorrono anche pene più severe per chi commette un reato così odioso. In Veneto secondo un’indagine dell’Istat una donna su tre di età compresa fra 16 e 70 anni ha subìto una qualche forma di violenza fisica o sessuale: questa sì che è un’emergenza!”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 30 Agosto 2018, 11:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Imprenditore tiene la dipendente e amante segregata in un cassone. Chiusa due settimane e torturata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 62 commenti presenti
2018-08-30 16:52:00
Appena è un italiano a delinquere tutti addosso a Salvini, ma se un nigeriano squarta una donna e ne metti i pezzi in valigia tutti a manifestare a favore dei migranti se qualcuno vuole riportarli a casa loro.
2018-08-30 17:12:26
A tutti i buontemponi che ironizzano sul fatto che sia italiano, invito a fare una statistica su tutti i casi di crimini commessi da Italiani e Stranieri, tirate le somme e poi eventualmente parlate. Vedo persone incapaci di raziocinio, mettere sullo stesso piano della bilancia crimini ed infrazioni commessi dalle 2 parti senza tener conto dell’ aspetto quantitativo dei fatti. Some cultures are better than than others. “Paul Joseph Watson”.
2018-08-30 18:41:25
signorino Zanoni mi aspetto che lei trevigiano si presenti come parte civile allo stupro effettuato a Jesolo da un uomo non di Bolzano.
2018-08-30 19:01:18
Andrea Zanoni, consigliere trevigiano del Partito Democratico,evidentemente ha dimenticato di leggere la notizia,proprio oggi, della violenza di un Georgiana a Salerno, appesa nuda in piena notte in un cornicione per sfuggire ai sopprusi del marito aguzzino e MAROCCHINO! Capita...
2018-08-30 16:56:09
Collegio unin. 01 – BOLZANO- Comune di BOLZANO MARIA ELENA BOSCHI 18.683 voti 34,11% PARTITO DEMOCRATICO 16,28% SVP – PATT 13,45% +EUROPA 3,38% ITALIA EUROPA INSIEME 0,81% CIVICA POPOLARE LORENZIN 0,36% Amico di Salvini?? Perfino i dati non sapete leggere! Gli elettori della boschi amano a tal punto le risorse, da non lasciarle andare!