Quindicenne violentata in spiaggia a Jesolo durante la vacanza

PER APPROFONDIRE: jesolo, spiaggia, stupro
Quindicenne violentata in spiaggia  ​a Jesolo durante la vacanza  L'uscita con gli amici, poi lo stupro
JESOLO - Una 15enne ha subito una violenza sessuale in spiaggia a Jesolo (Venezia) mentre era in vacanza. Sulla vicenda indaga il locale commissariato e la squadra mobile di Venezia mentre la Procura dei Minori ha aperto un fascicolo in base alla denuncia dei familiari della giovane.

La ragazzina di colore, residente in Friuli Venezia Giulia, aveva avuto il permesso di allontanarsi dai familiari per passare una serata con degli amici. Ad un certo punto si sarebbe allontanata dal gruppo - non è chiaro se era in un locale o già in spiaggia - per essere raggiunta dall'aggressore, definito straniero, che le avrebbe usato la violenza confermata dai sanitari dell'ospedale di San Donà di Piave (Venezia).

Scattato l'allarme per la temporanea sparizione della giovane, gli amici ed un passante avrebbero sentito delle grida di aiuto, ritrovando la 15enne a violenza già consumata. Immediato quindi l'intervento di polizia e sanitari del Suem 118 per le cure del caso e una prima sommaria ricostruzione dei fatti. 

TRIESTE Minorenne inseguita e molestata vicino alla Stazione: un arresto

LA REAZIONE DEL SINDACO
«Ciò che è accaduto nella notte di mercoledì è qualcosa che ha colpito profondamente la nostra città e non può che lasciare scossi e addolorati. Al contempo c'è un senso di rammarico per un episodio che non sarebbe dovuto accadere». Lo afferma in merito all'episodio di una violenza sessuale subita da una 15enne il sindaco di Jesolo (Venezia) Valerio Zoggia. «In questo momento così delicato per la ragazza vittima di questa vile aggressione e la sua famiglia, va tutta la vicinanza da parte della città di Jesolo e mia personale - rileva Zoggia -. A loro, ai concittadini e ai nostri ospiti desidero far sapere che c'è il massimo impegno di tutte le forze dell'ordine e del corpo di polizia locale per garantire la sicurezza e fare in modo che situazione di questo tipo non si debbano più verificare».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 24 Agosto 2018, 10:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Quindicenne violentata in spiaggia a Jesolo durante la vacanza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 69 commenti presenti
2018-08-24 19:27:53
Sempre detto, brutta regione e brutta cittadina, c'è di meglio li vicino e a metà prezzo, andate in CROAZIA e scappate subito dall' Italia.......mah...ciao Enrico, ciao.
2018-08-24 18:31:19
Ma a questa ragazzina non sono state impartite le regole base del tipo: non allontanarti con sconosciuti e resta sempre insieme con i tuoi amici??? Gente, gente questi genitori moderni, annegano bambini in piscina, ragazzine vengono violentate, ecc.,ecc. La disgrazia può purtroppo sempre accadere, ma non bisogna sfidare la sorte!
2018-08-24 17:47:21
una cosa vorrei sapere dal Sindaco di Jesolo. Perche' gli accessi al mare specie quelli vicino a via bafile sono cosi bui. Provate a incamminarvi nel 29° A pochi metri dalla Capannina. Da panico e guarda caso e' zona dei pusher. Costa troppo mettere un impiantino solare con i relativi lampioni?
2018-08-25 12:26:27
Sì,sì,certo,colpa della ragazzina,del buio,delsenegalese già
2018-08-24 16:34:43
Il Sindaco di Jesolo prenda spunto da Bibione. La spiaggia, di notte, è illuminata a giorno. Ciò diventa, automaticamente, un deterrente per le aggressioni. In spiaggia a Jesolo, dopo l'imbrunire c'è tutto il peggio che si può trovare.Sono indietro di cent'anni....