In pensione il primario stakanovista. In reparto 40 anni senza una assenza

PER APPROFONDIRE: giorgio beltrame, ospedale, pordenone
In pensione il primario stakanovista  In reparto 40 anni senza una assenza
PORDENONE - Il Santa Maria degli Angeli perde due pezzi da novanta. Già, perchè oltre a quelli che se ne sono già andati in pensione e a quelli che andranno, hanno cessato di lavorare proprio in questi giorni due dei primari più importanti dell'ospedale: Giorgio Beltrame e Renato Tozzoli. 

OCULISTICA
Anche l'ultimo giorno di lavoro nell'Azienda sanitaria 5 per Giorgio Beltrame, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Specialistica e della S.C. Oculistica di Pordenone, diventata con lui centro di eccellenza regionale, è stato normale. Ha operato come fa sempre diverse ore, poi il giro in reparto, il controllo dei pazienti e il breefing con i colleghi. È considerato uno sakanovista. Sono quasi 11 gli anni trascorsi professionalmente a Pordenone - ha commentanto emozionato Beltrame, che ha tracciato anche un bilancio. «Trentotto anni abbondanti di ospedale, oltre 40 mila interventi eseguiti, un milione e mezzo di chilometri percorsi, nessun giorno di malattia. Fin dal primo giorno del mio arrivo a Pordenone ho detto che volevo raggiungere l'obiettivo di far diventare il reparto centro di riferimento regionale per la chirurgia vitreoretinica».

IL RICONOSCIMENTO
«Anche se formalmente questo riconoscimento non ci è stato concesso, e ne sono rammaricato, di fatto lo siamo diventati - evidenzia il direttore Beltrame. Eseguiamo 600 interventi di vitreoretinica all'anno, oltre 60 trapianti. Numeri che dimostrano l'elevata attività dell'oculistica a Pordenone». Forte, sotto la sua guida, è stata l'integrazione delle professionalità tra l'Ospedale hub di Pordenone, l'Ospedale di San Vito al Tagliamento e Sacile. Giorgio Beltrame, manterrà comunque, un rapporto professionale con l'Azienda sanitaria 5 perché da settembre inizierà una consulenza.

IL LEGAME
«Certamente c'è un legame affettivo con i colleghi e con il personale infermieristico. Come consulente, dice, mi dedicherò alla clinica e potrò dare delle indicazioni sugli interventi più complessi, che sono quelli per i quali ho avuto pazienti da tutta Italia. «L'ultimo giorno di lavoro si è svolto a S. Vito al Tagliamento dove tutta l'attività del reparto è altamente produttiva. Sicuramente è il reparto più produttivo della regione - sottolinea con soddisfazione Beltrame - Da soli svolgiamo il 40% dell'attività regionale, per cui nessuno può smentirlo».

IL DIRETTORE
«Giorgio Beltrame è uno straordinario professionista - sottolinea il direttore generale dell'Azienda sanitaria 5 del Friuli Occidentale Giorgio Simon - che ha anche avuto la capacità di creare una squadra di altissimo livello. Ha saputo inoltre, cogliere l'opportunità offerta da un'Azienda sanitaria, come la nostra, con più sedi, assegnando a ciascuna, Pordenone, Sacile, San Vito al Tagliamento, funzioni specialistiche che saranno assolutamente mantenute».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 16 Agosto 2018, 12:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In pensione il primario stakanovista. In reparto 40 anni senza una assenza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-08-16 15:15:01
Un lavoro che piace ed appassiona e' sicuramente un miracolo, una grazia ricevuta.Pero' a qualche suo collega ugulamente valido, qualche volta gli occhi servono per vedere qulcosa di diverso.Spero almeno si si a preso le ferie, sono obbligatorie, magari col telefonino acceso per sbrigare consigli a distanza..
2018-08-16 13:29:13
Consulenza vuol dire che da pensionato avra' un'attivita' libero professionale con l'azienda (ovvero percepira' pensione e uno stipendio aggiuntivo). In passato era un sistema per "compensare" i pensionamenti, ovvero se non potevi assumere giovani, davi una consulenza ad un esperto professionista (pensionato) che garantiva prestazioni di qualita' ad un costo ragionevole. Era anche un furbissimo sistema per "scaricare costi": il pensionato gravava sull'INPS, al posto suo assumevi un giovane per fare la routine che pagavi il minimo sindacale e avevi comunque a disposizione un professionista di grande esperienza che pagavi piu' di prima. Pratica "furba" ed efficace. Ma era stata vietata. E' cambiata la legge ?
2018-08-16 17:51:43
... cosi i giovani medici verranno invece assunti dalla cooperative che li sottopagheranno!! Quindi tanto bravo nn è!!!
2018-08-16 13:17:07
Sicuramente ha trovato la sua realizzazione professionale. Dillo ad un carpentiere edile che sta fuori alle intemperie 8 ore sotto il sole in estate e a 5 sottozero in inverno.....per un quinto del suo stipendio. Auguri comunque!!
2018-08-16 13:59:49
Dalle tue parti i primari chiudono il reparto per festeggiare la nomina. Le solite due inconciliabili Italie e hai anche il coraggio di fare dell'ironia!