«Regaliamo ​una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto»

«Regaliamo una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto»
Una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto, a spese della Regione. L'idea viene da un consigliere regionale della "Lista Zaia", Gabriele Michieletto, che ha depositato una proposta di modifica di una legge regionale del 1975 che disciplina l'uso del gonfalone e dello stemma del Veneto. La consegna ai nuovi nati della bandiera «simbolo identitario» del Veneto, secondo Michieletto dovrebbe avvenire, a cura dei sindaci, il 25 marzo di ogni anno, giornata della «Festa del Popolo Veneto».

IL SONDAGGIO - Voi che ne pensate?

«Lo scopo della proposta di legge è duplice - precisa il consigliere - perché da un lato, senza gravare sulle casse comunali, vengono coinvolti i Sindaci, ovvero i primi cittadini rappresentanti della comunità locale, mentre dall'altro verrebbero coinvolte le famiglie, la colonna portante della comunità stessa, che riceverebbero il simbolo identitario di una Regione orgogliosa delle proprie radici storiche e culturali, nella quale anche i ragazzi potranno impugnare lo stendardo regionale consegnato dai primi cittadini ai nuovi nati, futuri alfieri della tradizione e dei simboli del Veneto».

LA REAZIONE DE PD: MANCANO SOLDI PER LE SCUOLE E NOI REGALIAMO LA BANDIETA? E LA DIAMO ANCHE AI "NUOVI" VENETI?
«La fantasia propagandistica della Lega tocca vette impensabili. Dopo le leggi identitarie si sentiva proprio il bisogno di una bandiera veneta per i nuovi nati. Mancano i soldi per le scuole paritarie ma noi regaliamo alle famiglie delle bandiere perché siano orgogliose di essere venete. Immagino facciano i salti di gioia». Lo afferma in una nota il consigliere regionale del Pd Graziano Azzalin commentando la proposta di legge del vicecapogruppo della Lista Zaia, Gabriele Michieletto. «Sarebbe curioso sapere - prosegue Azzalin - se verrà consegnata a tutti i nuovi 'venetì, viste le posizioni della Lega sullo Ius Soli. In una regione con un calo significativo delle nascite, le famiglie hanno bisogno di risposte, non di folclore. Nell'ultimo bilancio avevamo proposto l'introduzione di una 'mini Irpef' per i redditi superiori ai 75 mila euro con cui finanziare anche gli asili nido, un impegno da due milioni per garantire la riduzione delle rette per almeno mille bambini. Magari però Michieletto avrebbe preferito spenderli in bandiere col Leone di San Marco. In ogni caso gli consiglio di aggiornarsi: con Salvini il Nord e la Padania sono spariti, prima gli italiani. Quindi, se proprio vuole - conclude - regali ai nuovi nati un tricolore».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Agosto 2018, 11:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Regaliamo ​una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 57 commenti presenti
2018-08-11 08:39:42
Vento libero dai leghisti
2018-08-11 07:47:28
Le sintetizzo in nuce le due “righe inferiori” della Situla, dove, con un percorso figurato sbalzato su bronzo, con il sistema tecnico-narrativo del feedback simile a quello dei poemi omerici della stessa epoca, vi si trova lì il simbolo del leone da lei mal interpretato. Ecco cosa vi è invece raffigurato: un signore orientale (simbolizzato dal leone) è uscito dal suo territorio dei campi coltivati (simbolizzati con il cane e il bue), si avvia – nella circolarità della situla – nel territorio, si inoltra nell’ambiente selvaggio (rappresentato dal cervo, dallo stambecco, dal grifone e dalla sfinge). Incontra il nemico e lo sconfigge. Ritorna (episodio trionfale), rifà la strada e si ritrova di nuovo a poter celebrare il suo trionfo a casa. La simbologia mito-zoomorfa è ancora una volta sempre quella dell’Oriente, riscontrabile in numerosi altri casi dell’Etruria. La situla Benvenuti (copia di vasi fittili etruschi), ritrovata in ambiente euganeo-atestino, presenta i caratteri simbolici etruschi e/o orientali (egizio-fenici), con evidenza. L’artigiano itinerante che vi ha lavorato nel periodo tardo bronzeo e che produceva in base a richieste di committenti, ha proposto lo stile lavorativo e le figure similari – se non in continuità – ad esempio con quelle di reperti piceni (attuali “Marche”), e o tintinnabuli dell’area etrusca dell’attuale bolognese. Di “venetistico”, o favole del genere, davvero nulla (sottolineato). Possiamo quindi dormire tranquilli: nulla hanno a che vedere con quelle prive di fondamento, e del tutto aliene, fiabe “venetistiche”. Che cos’è invece il “venetismo”? È un genere recente di fantasy-fiction regionalistica riscontrabile dopo l’anno 1970; “narrazione” strampalata-manipolatoria tra le meno riuscite, e raffazzonata qua e là.
2018-08-11 14:08:40
Penso che non provi NULLA il suo discorso. Ricordo che Omero nel suo famossissimo libro -- l'Odissea -- citava i Veneti (abitanti del territorio "Veneto" PRIMA della nascita di Venezia ca 2000 anni fa) ma NON gli Etruri ca 750-500 AC) o i Piceni (900-300 AC) o anche gli Euganei (alcune persone --poche -- di provenienza ligure-indoeuropea- che hanno abitato intorno al periodo ca 1000-900 AC l'area Euganea-Atesina fino alla Valle del Garda, della specie Homo sapiens sapiens). Ricordo anche che --se "contaminazione" o scambio tra i popoli esisteva, i pochi Euganei-Atesini si sono presto "integrati" (con le uccisioni o con il sesso) ai Veneti. Rimangono anche delle traccie nella zona Veneta (grotte varie), di coloro che abitavano il territorio PRIMA degli Euganei-Atesini (che MAI si sono assimilati alle popolazioni del Centro Italia -- non esiste alcuna prova --) e Veneti: e cioe' del Homo Neardertal. L'uomo di Otzi, Similaun, ora al Museo di Bolzano, (ca 5000-5500 AC) e' della ns. specie: Homo sapiens sapiens, testimonia tutta questa versione. Il leone (o felini diversi) alato e' un simbolo ricorrente in diversi popoli indo-europei dell'antichita', come quello VENETO e che abita il territorio VENETO o PALEO-VENETO da ca oltre 4000 anni (la situla di Benvenuti al Museo d'Este e' di ca. 1200-1000 AC).
2018-08-11 00:18:12
Non e' una buona idea. Darla anche ai "nuovi veneti" sarebbe uno ius soli mascherato; non darla presenterebbe problemi legali e rischierebbe di riattizzare un conflitto latente.
2018-08-10 23:55:35
Ottima idea !