«Regaliamo ​una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto»

«Regaliamo una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto»
Una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto, a spese della Regione. L'idea viene da un consigliere regionale della "Lista Zaia", Gabriele Michieletto, che ha depositato una proposta di modifica di una legge regionale del 1975 che disciplina l'uso del gonfalone e dello stemma del Veneto. La consegna ai nuovi nati della bandiera «simbolo identitario» del Veneto, secondo Michieletto dovrebbe avvenire, a cura dei sindaci, il 25 marzo di ogni anno, giornata della «Festa del Popolo Veneto».

IL SONDAGGIO - Voi che ne pensate?

«Lo scopo della proposta di legge è duplice - precisa il consigliere - perché da un lato, senza gravare sulle casse comunali, vengono coinvolti i Sindaci, ovvero i primi cittadini rappresentanti della comunità locale, mentre dall'altro verrebbero coinvolte le famiglie, la colonna portante della comunità stessa, che riceverebbero il simbolo identitario di una Regione orgogliosa delle proprie radici storiche e culturali, nella quale anche i ragazzi potranno impugnare lo stendardo regionale consegnato dai primi cittadini ai nuovi nati, futuri alfieri della tradizione e dei simboli del Veneto».

LA REAZIONE DE PD: MANCANO SOLDI PER LE SCUOLE E NOI REGALIAMO LA BANDIETA? E LA DIAMO ANCHE AI "NUOVI" VENETI?
«La fantasia propagandistica della Lega tocca vette impensabili. Dopo le leggi identitarie si sentiva proprio il bisogno di una bandiera veneta per i nuovi nati. Mancano i soldi per le scuole paritarie ma noi regaliamo alle famiglie delle bandiere perché siano orgogliose di essere venete. Immagino facciano i salti di gioia». Lo afferma in una nota il consigliere regionale del Pd Graziano Azzalin commentando la proposta di legge del vicecapogruppo della Lista Zaia, Gabriele Michieletto. «Sarebbe curioso sapere - prosegue Azzalin - se verrà consegnata a tutti i nuovi 'venetì, viste le posizioni della Lega sullo Ius Soli. In una regione con un calo significativo delle nascite, le famiglie hanno bisogno di risposte, non di folclore. Nell'ultimo bilancio avevamo proposto l'introduzione di una 'mini Irpef' per i redditi superiori ai 75 mila euro con cui finanziare anche gli asili nido, un impegno da due milioni per garantire la riduzione delle rette per almeno mille bambini. Magari però Michieletto avrebbe preferito spenderli in bandiere col Leone di San Marco. In ogni caso gli consiglio di aggiornarsi: con Salvini il Nord e la Padania sono spariti, prima gli italiani. Quindi, se proprio vuole - conclude - regali ai nuovi nati un tricolore».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Agosto 2018, 11:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Regaliamo ​una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 57 commenti presenti
2018-08-10 15:00:27
Claudio Pros, nonostante l’insistenza e l’ossessività delle sue affermazioni lei non è mai riuscito a dimostrare nulla di quello che dice. Pertanto appare chiaro che questo suo tentativo di mistificare il dato storico è solo un mezzo per fare propaganda politica al suo fantomatico e sedicente “comitato”. Il leone alato è un simbolo che deriva dalla mitologia precristiana delle civiltà indoeuropee e, poiché i veneti appartengono alla grande famiglia dei popoli indoeuropei, questo simbolo era proprio dell’iconografia veneta ben prima dell’avvento della religione cristiana e, logicamente, anche della Repubblica Serenissima. Vada a riguardarsi la Situla Benvenuti custodita presso il Museo Archeologico Nazionale di Este. E non faccia finta di non vedere tutti i leoni alati che sono disseminati presso le città e le cittadine di tutte le province venete, presso le province di Brescia e Bergamo, Pordenone, Udine, parte del goriziano, Muggia, l’Istria veneta tra Slovenia e Croazia, la Dalmazia, le Bocche di Cattaro in Montenegro, le isole greche, Creta e via dicendo. Molti di questi leoni, soprattutto quelli sotto forma di bassorilievo, sono stati danneggiati dai suoi antenati giacobini o titini, nonostante ciò ci sono stati casi in cui le popolazioni locali hanno provveduto a ripristinarli volontariamente com’erano e dov’erano.
2018-08-10 17:07:48
Fategli fare un esame medico a questo consigliere. E' chiaro che non e' piu' in possesso pienamente delle sue facolta' mentali.
2018-08-10 13:50:21
Chissà quanto tempo ha perso a spese nostre per partorire quest'idea grandiosa.
2018-08-10 12:48:33
il gonfalone a un rovigoto? a un cortinese? a un veronese ? no grazie! solo pura campagna politica
2018-08-10 14:06:35
Oltre a quella con il Leone di S.Marco proporrei anche quella Italiana; pagate però con dei soldi trattenuti dallo stipendio di questo consigliere Veneto e dai suoi colleghi di lista