Giovedì 9 Agosto 2018, 08:52

Manovra: stop all'Iva, sgravi fiscali ridotti. Via gli 80 euro, ma Salvini smentisce

Manovra: stop all'Iva, sgravi fiscali ridotti e via gli 80 euro. Quota 100 con gradualità

di Luca Cifoni

Avvio della flat tax e del reddito di cittadinanza. Ma anche un primo intervento sulle pensioni e quella spinta agli investimenti che è il chiodo fisso del ministro dell'Economia Giovanni Tria. Il vertice ministeriale che ha preceduto il Consiglio dei ministri di ieri è servito a fare il punto della situazione prima della (breve) pausa estiva e a fissare l'agenda per la ripresa. L'esecutivo ha davanti a sé un puzzle complicato e il titolare di Via Venti Settembre sta cercando innanzitutto di imporre un metodo...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manovra: stop all'Iva, sgravi fiscali ridotti. Via gli 80 euro, ma Salvini smentisce
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-08-10 09:44:08
Facendo una attenta analisi di numeri con la quota 100 da 64 anni non si sposta niente rispetto alla Fornero, ci guadagna chi ha lavorato meno anni e basta, l'hanno presa in quel posto tutti i nati dal 52 al 60 con la Fornero inutile dire quota 100 .....chiamiamo le cose col loro nome ALTRA SUPPOSTA
2018-08-10 08:22:23
Non capisco perchè conte si ostini a parlare senza aver ricevuto istruzione da salvini e casaleggio.
2018-08-09 22:02:55
Qui siamo del tutto fuori strada, come sempre. Il punto dolente dell'economia del Paese è sempre quello: il debito pubblico enorme che nessuno vuole fermare. Occorre procedere invece ordinatamente con piccoli ma importanti passi, prima fra tutti l'abolizione di tutte le Regioni (ordinarie, speciali autonome), senza SE e senza ma, che questo debito micidiale hanno prodotto in questi 48 anni. Ovviamente non sarà la bacchetta magica, ma una prima inversione di tendenza, questo sì. Ed è assolutamente irrinunciabile se si vuole davvero far riprendere il Paese.
2018-08-09 17:50:28
Sono d accordo con il Coppertone. Vero che la riunificazione delle due Germanie si e' consolidata grazie al contributo degli europei a causa della parita' di cambio nonostante quello dell'est valesse la meta' tra i due Marchi (Est-Ovest). Ma ha mai sentito qualcuno dei fautori italiani dell'unione Ciampi-Prodi lamentarsi? Se no perche'? Perche' l'italia non aveva i conti in regola (come sapevano benissimo i due volponi ) per accedere all'Euro! Sul Sud e' inutile parlarne. Veda votano anche da quelle parti e viste le elezioni a favore dei M5S che hanno avuto un consenso pebliscitario al meridione, pensa che le cose cambino? Se ne faccia una ragione e pensi a quello che ci costano gli immigrati (10 miliardi annui) per mantenerli..almeno si consola!
2018-08-09 15:19:01
Adesso vediamo questa gente alla prova dei fatti, sono finite la campagne elettorali, troppo comodo sbraitare all'opposizione ora vediamo cosa faranno con le pochissime risorse che abbiamo a disposizione. Pensioni di dignità, riforma Fornero, reddito di cittadinanza, flax Tax, ma con quali soldi, tutti buoni propositi ma senza copertira finanziaria. Vorrei ricordare che la Germania ha ulteriormente ridotto il deficit pubblico sotto il 60 per cento, noi invece con il M5s-Lega lo vogliamo aumentare sopra il 130 per cento.