Il passaporto agli altoatesini concesso dall'Austria crea solo tensioni per miopi interessi elettorali

Giovedì 26 Luglio 2018
11
Caro Direttore,
il Governo austriaco sta predisponendo una legge che concederebbe la cittadinanza austriaca agli altoatesini di lingua tedesca e ladina. A partire dagli accordi De Gasperi Gruber del 1946, l'Austria è sempre stata la tutrice dei cittadini della Provincia di Bolzano e, dopo anni difficili e complicati, da parecchio tempo, mi pare non ci fossero screzi gravi tra le comunità interessate. Questa iniziativa del nuovo Governo Austriaco, deve considerarsi un gesto ostile e voglio sperare che il nostro Governo, senza urla o gesti eclatanti, dimostri fermezza, come è necessario in questi casi.

Gino De Carli
Soranzen (Belluno)


Caro lettore,
il nostro ministero degli Esteri è già intervenuto chiedendo, attraverso l'ambasciata italiana, chiarimenti all'Austria e definendo l'eventuale legge sul doppio passaporto per gli altoatesini di lingua tedesca e ladina un atto ostile. Mi sembra il minimo. Con questa iniziativa il governo austriaco dimostra infatti tutta la sua arroganza e la sua spregiudicatezza. È evidente il tentativo di Vienna di annettersi le eccellenze altoatesine, gli sportivi in particolare, a costo zero. L'Italia li forma, investe su di loro, li lancia e gli austriaci poi se li prendono e li avvolgono nella bandiera rosso-bianca. Ad onor del vero i campioni sudtirolesi, dalla biatleta Wierer all'alpinista Messner, hanno già espresso la loro contrarietà al doppio passaporto e ribadito la loro orgogliosa volontà di rimanere italiani. Ma l'Austria non molla. Assumendosi una grave responsabilità: invece di contribuire a migliorare il clima di convivenza tra i diversi gruppi linguistici convivono in Alto Adige, introduce nuove elementi di tensione. Per miopi interessi elettorali. Ultimo aggiornamento: 15:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci