Blitz antidroga a Mestre, Salvini: «“Grazie” ai buonisti che hanno riempito l’Italia di immigrati»

PER APPROFONDIRE: antidroga, blitz, matteo salvini, mestre
Blitz antidroga a Mestre, Salvini: «“Grazie” ai buonisti che hanno riempito l’Italia di immigrati»
MESTRE - Post di Matteo Salvini sull'operazione antidroga di martedì 10 luglio a Mestre. Il ministro dell'interno commenta soddisfatto il blitz della polizia: "Da questo pomeriggio, nella provincia di Venezia (in particolare intorno alla stazione di Mestre) e in quelle di Padova, Treviso, Verona e Udine, la Polizia di Stato sta curando l’esecuzione di 41 misure restrittive nei confronti di altrettanti cittadini nigeriani dediti allo spaccio di stupefacenti, tra cui la “eroina killer” che ha causato purtroppo molte morti. In corso anche provvedimenti di sospensione di licenze per esercizi commerciali e Daspo urbani. GRAZIE alla Polizia per l’ottimo lavoro, e “grazie” ai buonisti che hanno riempito l’Italia di immigrati i quali, in attesa di pagarci le pensioni, spacciano droga...".


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Luglio 2018, 21:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Blitz antidroga a Mestre, Salvini: «“Grazie” ai buonisti che hanno riempito l’Italia di immigrati»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-07-11 12:59:58
Che bello lei sta parlando di un lavoro da appaltare agli stranieri perche' gli italiani non lo vogliono piu' fare?
2018-07-11 11:27:35
Il suo partito ha fato il più grande taglio di organico nella polizia del dopoguerra,il ministro era maroni,ha votato tutte le leggi ,per proteggere uno solo,che abbassavano le pene e se la prende con gli altri e il bello è che con la cazzate che spara tutti i giorni trova adepti che gli credono....parli dei 49(quarantanove)milioni di euro spariti e ci dica perchè non si è costituito parte civile al processo anche questi sono reati gravi eh.....lo dico a quelli che quando vedono qualcoisa girano la testa da un altra parte e poi sbraitano sul web...
2018-07-11 12:54:00
Intanto qualcuno dimentica i 110 milioni pagati dal contribuente italiano per ripianare i debiti de L'Unita', giornale della sinistra.
2018-07-11 11:19:50
Fate leggere a Salvini. LA GLOBALIZZAZIONE ITALIANA. Ricordate un discorso fatto da un rappresentante istituzionale? Eccolo descritto: “ Nell’era globale tutto si muove. Si muovono i capitali. Si muovono le merci. Si muovono le notizie. Si muovono gli essere umani. E non solo per turismo. E i migranti oggi sono l’elemento umano. L’avanguardia di questa globalizzazione. E ci offrono uno stile di vita che … presto sarà uno stile molto diffuso per molti di noi. Loro sono l’avanguardia di quello … dello stile di vita… che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi…”. Adesso tutti ad indossare le magliette rosse. Chi semina vento raccoglie tempesta. DA OGGI SI CAMBIA. La parla d'ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti. Essa già trasvola ed accende i cuori dalle Alpi all'Oceano Indiano: Vincere! E vinceremo, per dare finalmente un lungo periodo di Pace con la giustizia all'Italia, all'Europa, al mondo. Un'uomo una volta insignificante, visto il suo popolo maltrattato e schiavo delle superpotenze decise che non era più possibile avere fiducia della "democrazia" si iscrisse a un piccolo partito, una insignificante organizzazione, ne prese le redine e in poco tempo compattò il suo popolo, sotto la sua guida questa nazione diventò grande stimata e potente, il popolo lo osannava lo vedeva in lui il messia, le superpotenze cominciarono a preoccuparsi, vedevano minacciate le basi delle loro porcherie, all'interno di queste nazioni nacquero movimenti che si ispirarono alle idee di questo piccolo uomo, molto era l'entusiasmo di quel continente, si espanse anche oltre Oceano. Era chiaro che le superpotenze non potevano accettare di abbandonare i loro privilegi dovevano continuare a dominare e spartirsi i bottini di una guerra, a loro non importavano se i popoli che l'avevano persa soffrivano la fame, ma non era un loro problema. Nazionalismo sta a sovranismo come volontà sta a scelta., Bravo Salvini, un popolo produce sempre nel momento del bisogno il suo capo, un Dux, è sempre stato così e chi lo nega è un ignorante. Giovanni Romagnollo
2018-07-11 15:57:26
Gentile Giovanni, a lei non la si fa, e quando ha ragione bisogna riconoscerlo, infatti nel momento del bisogno come ci illumina lei il popolo ha prodotto personaggini di un certo spessore, tipo: Vladimir Lenin, Iosif Stalin, Adolf Hitler, Benito Mussolini, Pol Pot, Fidel Castro, Francisco Franco, Mao, Pinoquet, tutti strenui difensori del popolo e della nazione. Per fortuna Salvini non e' paragonabile.