Report, inchiesta veneziana su Airbnb ed evasione fiscale

PER APPROFONDIRE: airbnb, report, venezia
Report, inchiesta veneziana su Airbnb ed evasione fiscale: cosa c'è dietro gli affitti
VENEZIA -  (m.f.) La popolare trasmissione di Raitre Report torna domani sera alle 21.15 a parlare del fenomeno Airbnb. Nel servizio AAA Affitta Italia di Manuele Bonaccorsi con Lorenzo Di Pietro non poteva mancare Venezia. Questa volta, però, il tema è affrontato non dal punto di vista dell'invasione turistica, che ormai è una realtà di ogni fine settimana estivo, ma della possibile evasione fiscale che si potrebbe nascondere dietro gli affitti.

«Airbnb gestisce nel mondo - dicono gli autori - 4,8 milioni di annunci. In Italia, nel 2017 ha dato ospitalità a 7,8 milioni di turisti. Parola d'ordine: condivisione. Non solo di una camera da letto, ma di un'esperienza reale, tra la gente che vive davvero il luogo che visitiamo. Ma è così? Abbiamo fatto un viaggio dentro il mondo di Airbnb, per scoprire che molti host sono in realtà grandi società immobiliari e non semplici cittadini che arrotondano. E che nei centri storici il fenomeno degli affitti a breve termine sta producendo un esodo degli abitanti»...
 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 3 Giugno 2018, 11:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Report, inchiesta veneziana su Airbnb ed evasione fiscale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-06-03 19:34:17
La scoperta dell'acqua calda.
2018-06-03 19:25:29
confiscate tutti i B&B se il residente proprietario non vive all'interno della stessa unità immobiliare condividendo stanze e servizi, il b&B è questo; condivisione della propria casa con un estraneo, se non è questo si confischi la casa e si butta all'asta, che sia del privato o della grossa unità immobiliare, questo sistema non è B&B è tutta un'altra cosa. in spagna fanno le cose meglio, basta copiare se non vi è fantasia tra chi dovrebbe legiferare. per chi invece sub affitta la casa popolare, che sia revocata per sempre e immediatamente.
2018-06-03 21:26:31
Il titolare del B&B deve avere la residenza nell'appartamento del quale dà in locazione a turisti da una a un massimo di tre camere. Non è del tutto vero che deve condividere con i turisti stanze e servizi. Deve però fornire loro la prima colazione e trattarli come se si trovassero in un albergo, né più né meno. Tant'è che ha obbligo di partita IVA. Siccome tanti piccoli proprietari, anche stranieri, affidano ad agenzie o ad alberghi la loro seconda casa, è possibile che alcuni cosiddetti B&B siano in realtà delle dépendance di alberghi. Bisogna poi vedere se la responsabilità di questo sia dell'albergatore o del proprietario, che magari risiede all'estero e ne è all'oscuro. Comunque tutto ciò con il fenomeno Airbnb e le locazioni on line non c'entra per nulla.
2018-06-03 19:19:28
La gente abita in una città se lì ci sono delle realtà vitali, come il lavoro o lo studio. Se quelle realtà vengono meno la città si spopola. Un tempo Venezia era centro di attività commerciali, artigianali, artistiche e di studio. Ma il mondo si è trasformato (di certo non evoluto), le attività commerciali si sono spostate, le attività artigianali sono in gran parte finite, trasformate in industriali. Chi va più oggigiorno da un falegname, o da un mobiliere, un fabbro, un tappezziere, un sarto? Chi va da un pittore ad acquistare un quadro? O va in un cantiere a farsi costruire una barchetta? O a farsela riparare? Chi va dal pescivendolo? Dal fruttivendolo? Dal vinaio? Per limitarci solo a qualche esempio. Oggigiorno tutti vanno nei centri commerciali, dove c'è di tutto e di più. Che sono in terraferma. O fanno acquisti on line. Tutto un poco alla volta viene trasferito in terraferma, perché oggigiorno tutto si muove su gomma. Le poche botteghe che resistono, anche i piccoli supermercati, devono rincarare i prezzi per le difficoltà di movimentazione delle mercanzie su acqua o a braccia. E' ovvio che una città come Venezia si spopoli. Anche perché poi chi è più disposto a vivere in un pianterreno umido o a fare un'ottantina di gradini e più come me in cambio di luce e panorama? O a spendere una barca di soldi per riscaldare e tenere in buono stato di manutenzione un piano nobile? Se c'è chi vive oggigiorno a Venezia è anche grazie al turismo e alle locazioni brevi, altro che.
2018-06-03 19:04:44
tassare a morte le seconde case!!!...