Report, inchiesta veneziana su Airbnb ed evasione fiscale

PER APPROFONDIRE: airbnb, report, venezia
Report, inchiesta veneziana su Airbnb ed evasione fiscale: cosa c'è dietro gli affitti
VENEZIA -  (m.f.) La popolare trasmissione di Raitre Report torna domani sera alle 21.15 a parlare del fenomeno Airbnb. Nel servizio AAA Affitta Italia di Manuele Bonaccorsi con Lorenzo Di Pietro non poteva mancare Venezia. Questa volta, però, il tema è affrontato non dal punto di vista dell'invasione turistica, che ormai è una realtà di ogni fine settimana estivo, ma della possibile evasione fiscale che si potrebbe nascondere dietro gli affitti.

«Airbnb gestisce nel mondo - dicono gli autori - 4,8 milioni di annunci. In Italia, nel 2017 ha dato ospitalità a 7,8 milioni di turisti. Parola d'ordine: condivisione. Non solo di una camera da letto, ma di un'esperienza reale, tra la gente che vive davvero il luogo che visitiamo. Ma è così? Abbiamo fatto un viaggio dentro il mondo di Airbnb, per scoprire che molti host sono in realtà grandi società immobiliari e non semplici cittadini che arrotondano. E che nei centri storici il fenomeno degli affitti a breve termine sta producendo un esodo degli abitanti»...
 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 3 Giugno 2018, 11:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Report, inchiesta veneziana su Airbnb ed evasione fiscale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-06-03 19:35:21
Così poi invece che seconde case dei veneziani diventano seconde case di facoltosi stranieri, occupate pochi giorni l'anno o date ad agenzie per locazioni turistiche.
2018-06-03 20:32:00
D'accordo. In Francia nel 2016 il sindaco, Mme Hidalgo ha aumentato del 20% la tassa sulla seconda casa. Nel 2017 l'ha aumentata del 60%!!!! Il suo obiettivo è di rendere le seconde case abitazioni residenziali. Se affitti a un residente, tassazione normale.
2018-06-04 10:38:29
Allora sì. Se chi affitta a un residente non dovesse più pagare le tasse sull'immobile (ovvero tasse sul patrimonio, quindi incostituzionali) ma solo sul reddito da locazione, e se il contratto di locazione avesse comunque una durata limitata nel tempo, credo che ben pochi si romperebbero le scatole con le locazioni turistiche. Ma non finirebbe l'evasione, da parte degli albergatori, e non si risolverebbe neppure il problema dell'esodo dei veneziani, legato al lavoro, ai servizi e alla qualità della vita (costi maggiori di tutto, lentezza negli spostamenti, fatica fisica per fare la spesa, mancanza dell'automobile...). A meno che per veneziani non s'intendano cinesi, bengalesi, indiani, rumeni eccetera, gli unici ormai ad essere interessati a risiedere a Venezia.
2018-06-03 13:31:25
E dopo c'è chi dice che la colpa è dei veneziani. Chi è che ha deciso i prezzi al mq? Chi è che ha i soldi per comprare? E se un veneziano affitta 3 mesi senza partita iva (si può) è veramente da condannare? Chi ha alzato affitti a negozi (come i panifici ad esempio) per far posto ad altre attività che possono pagare affitti più alti sono veneziani?
2018-06-03 12:00:30
Pongo una domanda a RAITRE REPORT, Vi invito a fare un'indagine sugli Hotel delle provincie di Treviso, Venezia, Padova ed altre realtà dove ci sono grandi Hotel. L'indagine deve riguardare la tassa di soggiorno che ogni ospite dell'Hotel ha deve versare al comune. Vi accorgerete che la maggior parte degli Hotel incassano la tassa di soggiorno ma non la versano per il semplice motivo che queste persone e sono migliaia, non vengono registrate e pertanto non presenti negli Hotel. Ma oltre che non versare la tassa di soggiorno non pagano le tasse dovute perchè non hanno ospiti. Il trucco sta nel fatto che queste persone arrivano alla sera tardino e partano alla mattina presto con i loro pulman. Di solito si tratta di persone Cinesi o Asiatiche per la maggior parte ma anche di cittadini Europei. Fate questa indagine, e vedrete quante altre cose scoprirete. Cordiali Saluti.