«Domenica al lavoro? «Dicono no» Pochi i veneti nel nuovo Bricoman

PER APPROFONDIRE: bricoman, domenica, lavoro, san fior, treviso
«Domenica al lavoro? «Dicono no» Pochi i veneti nel nuovo Bricoman

di Elisa Giraud

SAN FIOR (TREVISO) - Bricoman, il colosso multinazionale di prodotti tecnici per la costruzione e la ristrutturazione edile, sbarca nel profondo Nordest e apre un punto vendita a San Fior, nel Trevigiano. Un'opportunità di lavoro per il territorio, che però pare non averla sfruttata abbastanza considerato che sette lavoratori su dieci provengono da fuori provincia, una larga percentuale dei quali da fuori regione e molti sono stranieri: su 85 assunti, solo 26 sono della zona. solo 2.500 le candidature pervenute, poche rispetto alle 7.500 raggiunte in occasione delle aperture di punti vendita al Sud, e di queste solo 500 sono del nord Italia.

«Abbiamo riscontrato molte difficoltà nel trovare lavoratori locali ha spiegato a margine dell'inaugurazione ieri Maria Tamborra, direttore vendite di Bricoman Italia . Ci è parso di capire che qui non gradiscano lavorare con i turni anche di sabato e domenica». Una dichiarazione che contrasta con la proverbiale operosità di trevigiani e veneti in generale, oltre che con i dati sulla disoccupazione. 

   
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Aprile 2018, 08:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Domenica al lavoro? «Dicono no» Pochi i veneti nel nuovo Bricoman
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 184 commenti presenti
2018-04-12 16:15:00
Si da' troppo per scontato che le illazioni dell'Azienda siano Verita'.E' un loro parere, magari in zona i giovani hanno gia' lavoro e mica cambiano per l'ultima ennesimaimpresa commerciale venuta,che non si sa quanto duri.Intanto i Visitatori si fiondano i primi giorni delle offerte speciali, poi si vedra' se i famosi 85 durano , aumentano o calano.Nelle mia zona ne son sorti 2, spariti dopo un anno...non ostante pezzi venduti con garanzia di piu' lunga durata,sulla carta
2018-04-12 13:49:01
Qui non si discute se il lavoro al sabato ed alla domenica è redditizio per l'azienda ma solo che i giovani al giorno d'oggi non vogliono più lavorare in questi due giorni ( e poco anche negli altri). Il mitico nord est ( meglio Triveneto) sta degenerando precipitosamente.
2018-04-12 12:25:59
ma ci sono così tanti ricavi di domenica???
2018-04-12 16:30:00
Ad un disoccupato che viene offerto di lavorare sabato e domenica, non deve tanto interessare se ci sono o non ci sono tanti ricavi in questi due giorni ma solo di aver trovato un lavoro e di esserne retribuito. Poi se ci sono o non ci sono i ricavi sperati, sono solo problemi dell'azienda che deciderà poi su come procedere.
2018-04-13 19:55:22
Questa è la mentalità di chi si mette pronto a 90 gradi subendo i ricatti di chi in quel momento ha il coltello dalla parte del manico. E' un po' come chi pensando solo a sè stesso sostituisce uno scioperante, impedendogli di far valere le sue ragioni.