Maxitruffa del 10% d'interesse: in fumo 75 milioni di 4mila clienti

Domenica 8 Aprile 2018 di Monica Andolfatto
91

 Circa 4mila clienti  avrebbero affidato alla Venice Investment Group risparmi per ben 75 milioni di euro in poco più di due anni. Sarebbero questi i numeri che ruotano intorno alla società finanziaria, specializzata negli investimenti valutari all’estero, diretta dal trader di Portogruaro Fabio Gaiatto, che la Procura di Pordenone ha iscritto sul registro degli indagati ipotizzando i reati di truffa, appropriazione indebita e la violazione delle legge bancaria.

L’ammontare, di quello che si sta delineando come un mega raggiro a danni di risparmiatori allettati dalla promessa di rendite attorno al 10% mensile, è stato illustrato nel corso dell’incontro organizzato all’Hotel Pini di Mestre lo scorso 27 marzo, da un collaboratore di Gaiatto, che si è definito lui stesso vittima del sistema architettato dal 42enne portogruarese.

Il caso è scoppiato a fine marzo dopo che quasi trecento clienti - residenti in Veneto, Friuli, Lombardia - si erano organizzati su Fb in quanto non riuscivano più a mettersi in contatto con la Venice Investment Group per chiedere spiegazioni sulla mancata riscossione delle rendite, inizialmente incassate. Ma sulla vicenda stava già indagando la Guardia di Finanza e sui risconti ottenuti la Procura di Pordenone competente per territorio aveva già aperto un fascicolo.

 
 

Ultimo aggiornamento: 11:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA