No-vax, lo stratagemma dei genitori per evitare espulsioni e sanzioni

PER APPROFONDIRE: genitori, no vax, rovigo, stratagemma
foto di repertorio
ROVIGO -  I numeri dell'Ulss 5 non rispecchiano la realtà quantitativa degli oppositori vaccinali del Polesine, i cosiddetti no vax. I numeri reali andrebbero oltre i 50 bambini delle scuole dell'infanzia e i 50 delle classi successive alla primaria. Parola di no vax. Solo in una piccola scuola di provincia con due sezioni ci sono 5 bambini non vaccinati: come è possibile che i numeri ufficiali indichino solo 50 bambini? È presto spiegato: «Molte di noi famiglie - spiega una mamma - hanno un appuntamento, poi non si presentano. Si rimanda di volta in volta, non ci si presenta. In questo modo non scattano le multe e i bambini piccoli possono continuare ad andare a scuola. C'è chi è contrario in modo irriducibile, c'è chi invece vuole vaccinare i figli semplicemente quando saranno più grandi e più forti». E' il caso dei genitori di due bimbi, la piccola alla scuola dell'infanzia, il grande alla primaria. «Quello grande abbiamo scelto di vaccinarlo - spiegano i genitori -, ritenendo idonea l'età. La piccola invece no, non ancora». ...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Marzo 2018, 11:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
No-vax, lo stratagemma dei genitori per evitare espulsioni e sanzioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 48 commenti presenti
2018-03-20 12:16:48
Medici di cosa ? Ovvero di che si occupano ? Quali conoscenze / qualifica professionale hanno per "ragionare" cosi' ? Ci sono medici omeopati, naturopati, contrari a trattamenti codificati dall'EBM (la medicina scientifica basata sulle evidenze). Essere "medico" ovvero laureato in medicina (quando ? come ? dove ? )non vuol dire NECESSARIAMENTE essere aggiornato o lavorare in base alle attuali conoscenze scientifiche. Mutatis mutandis, se uno conosce un Carabinire disonesto NON e' che i reati che commette NON sono piu' tali.
2018-03-20 12:49:03
Si tratta di 2 dentisti. Certo, non sto parlando di infettivologo, o di pediatra o di virologo o di immunologo. MA NON MI SEMBRA AFFATTO POCO!!!! Quantomeno evitate di parlare di 'scemenze' e di 'santoni' del web. Ma se l'unica cosa che le autorità -sia politiche che sanitarie- vogliono e' di imporre censure e radiazioni, allora otteniamo solamente una 'verita' imposta e non scientifica.
2018-03-20 15:10:16
Azz. Dentisti di che eta' ? Da oltre 20 anni il corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria (5 anni) e' separato da quello di medicina e chirurgia (6 anni). Un tempo si diventava dentisti DOPO la laurea in Medicina e Chirurgia e frequentando la specializzazione (altri 3 o 4 anni). Per quanto mi risulta i dentisti attuali NON hanno grosse conoscenze scientifiche sulle vaccinazioni. Quelli del vecchio ordinamento, se NON si sono aggiornati, sono fermi a oltre 20 anni fa. Poi ci sono gli odontotecnici (diplomati, non laureati) che fanno i "dentisti" (abusivi). Di chi parliamo ?
2018-03-21 00:17:37
Maurizzzio, mi sta facendo le pulci a quale scopo? Sto parlando di dentisti affermati (di eta' intorno ai 50 e 70 anni) e non di abusivi o di odontotecnici. In ogni caso lei non riconoscerebbe mai la valenza e la professionalità di quanto da me citato. Non lo ammetterebbe mai. Perche lo dice lei stesso: se il dentista è anziano ha fatto un lungo percorso di studi che comprende laura in Medicina e Chirurgia e poi la successiva specializzazione, peccato che poi questi medici di una volta non si aggiorneranno mai (cosi ha sentenziato lei a mo' di Padre Eterno). Se invece sono piu giovani allora sono piu' freschi di conoscenze ma il loro percorso e' troppo settoriale e nemmeno quello va bene. Provi a fare qualche ricerca sul dr. Gustavo Petti, paradontologo di Cagliari con non so quante pubblicazioni internazionali e poi mi venga a raccontare che è uno che ne sa poco in ambito medico in generale. Con questo non sto dicendo che questo dentista con cui mi sono confrontato e' antivaccinista. Era per fare capire -e non si puo non ammettere questo- che un medico di qualunque ambito si occupi e' sempre una persona che ha delle solide basi per fare delle valutazioni. A parte il fatto che non esiste una specializzazione in vaccini e non esiste il medico vaccinologo... non è certo impossibile per un medico farsi una idea 'non superficiale' di questioni che esulino la sua specializzazione. E quello che volevo fare sostanzialmente far capire con il commento fatto a GIO2710 e' che c'e' molto materiale da analizzare (parere di medici contrari compreso) prima di venire a dire che dietro la riluttanza alle vaccinazioni da parte dei genitori ci sia solo 'ignoranza', 'ideologia', 'irresponsabilita', 'santoni', 'disinformazione', etc. Altrimenti se non si puo' analizzare niente nel confronto, tutto rimane immobile e la verita' rimane immutabile: una situazione molto somigliante alle conoscenze superate e stantie di quei medici che non si vanno ad aggiornare (come citava lei), non crede? Ci sono dentisti che ad esempio hanno messo in discussione l'utilizzo delle otturazioni in amalgama accusandone la tossicita'. Oggi fortunatamente per motivi estetici e di abbatimento del costo dei nuovi materiali di otturazione le amalgame di metallo non vengono praticamente utilizzate piu'. Che fortuna. Ma la ri-discussione di questa pratica medica la si puo fare o dobbiamo invece censurare? Dobbiamo tappare la bocca a quei dentisti che denunciano o hanno denunciato la tossicita' di questo materiale? A quale scopo? Solo per mantenere in vita lo status-quo? Cosi pure per i vaccini
2018-03-21 03:45:42
In sostanza, per lei, Maurizzzio, se i medici sono pro-vaccinazione sono delle persone intelligenti mentre se diffidano allora sono delle persone con la mente fuorviata, con mania di protagonismo oppure delle persone con vecchie conoscenze universitarie che nemmeno si aggiornano piu' (evidentemente lei ha il potere della onniscenza). Si trattera' forse dell'effetto boomerang descritto da RedFoxy? Io ho assistito a qualche conferenza di Gava, noto medico attivista free-vax poi radiato. E' un cardiologo molto stimato, nonche' tossicologo: in qualità di tossicologo tengo ben conto delle sue preoccupazioni circa l'iterazione delle sostanze tossiche contenute nei vaccini. Sono perfettamente inutili i vostri tentativi di sminuire la professionalità di questo medico dicendo che abbraccia l'omeopatia. Lui e' specializzato in piu' branche della medicina e voi mi dovete ancora spiegare quali titoli avete voi per sentenziare e porvi in una posizione giudicante e superiore. Nel mio percorso ho pure incontrato, CASUALMENTE, come spiegato, altri medici (2 dentisti) che non hanno fatto vaccinare i propri figli e che esternano le loro rimostranze. Ora, tutti i medici hanno basi per approfondire aree della medicina che non riguardano la loro specializzazione. I medici che lo hanno fatto a riguardo dei vaccini (come i 2 dentisti citati) saranno anche la minoranza, ma rimane il fatto, a mio avviso eclatante e determinante, che le preoccupazioni verso la pratica vaccinale sono venute dal mondo medico e scientifico stesso. Solo che invece di analizzare le posizioni e permettere un confronto si vuole sconfessare tutto questo a priori a suon di radiazioni. E questo e' un fatto inaudito e grave per la scienza. E' il medioevo. E nel frattempo gli stessi medici che appoggiano l'obbligatorieta' della vaccinazione non si vogliono fare bucare e questo e' ormai platealmente sotto gli occhi di tutti. Quindi piantatela di far figurare i genitori free-vax come irresponsabili, ideologizzati etc etc. Le rimostranze provengono dal mondo medico scientifico stesso e finora sono state combattute solamente zittendole con la forza e con le radiazioni, non con le argomentazioni e con la ragione della scienza e del confronto. Ma se al popolo piace tutto questo pur vivere in un mondo totalmente sterilizzato (poi tanto si vedranno gli effetti, come quelli portati dall'uso smodato degli antibiotici)...