BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

Il '68 di Dior - Labbra blu per Galliano/
Margiela - Il sogno orientale di Etro

Quando titolavo un pezzo d’attualità   nel 1968 “Zoccoletti e riccioletti”  per raccontare le avventure della ribellione femminista  affidata  in gran parte alla “moda” non immaginavo che oggi, febbraio 2018,  stiamo usando le stesse titolature per raccontare il look che la Maison Dior,  con firma di Maria Grazia Chiuri , propone alle donne alla cui battaglia femminista  (che nel ’68 vede l suo avvio concreto e compatto)  la stilista  ha dedicato una ricerca approfondita che comprende la protesta lasciata sui muri idi Casa Dior, n  Avenue Montaigne   per stimolare l’adesione di  Monsieur  Dior alla minigonna appena partorita dalla fantasia di Courreges  - e subito dopo di Mary Quant -   considerata un “oggetto” simbolo per la battaglia  che si snodava lungo le strade di Parigi a colpi di sonagli e di coperchi di pentole battuti come grancassa. In realtà,  come ci ha confermato la sfilata Dior,  presentata appunto come revival  stilistico sessantottino, la moda delle femministe  -  oltre che sugli immancabili zoccoletti e riccioletti - puntava su gonne lunghe svolazzanti , in chiffon policromo anche d’inverno,  ched sbucavano irriverenti da  immensi  maglioni , i lunghissimi cardigan di lana  lavorata  a crochet.  L’uncinetto fu lo  strumento a volte inneggiato come amico  e compagno del  tempo femminile  a volte osteggiato e condannato come nemico dell’evoluzione femminista  tout court, simbolo della “dipendenza”  femminile , della mitezza, dell’accettazione. !La maglia all ‘uncinetto , nelle versioni di bellezza inimmaginabile, ha dominato la collezione Dior per il prossimo autunno-inverno  confermando per la Chiuri quell’attestato di coerenza che la vede impegnata sul  fronte sociale , attenta  alle esigenze che pervengono non solo dai salotti ma dalla strada dove fa sfilare ragazze con completi  attualissimi che solo “chi l’ha visto”  riconosce come revival   del clima  di cinquant’anni fa.
Parigi sforna  il suo pret-à-porter  con  il verbo importante di Galliano che per Margiela Artisanal punta deciso sulla determinazione. Nessuna incertezza per il suo look che soprattutto nei capospalla, nei  blouson ampi, voluminosi e coloratissimi scrive una pagina di stilismo ad alta caratura. Colori violenti con Galliano/Margiela anche per il trucco : metti un giubbotto bluette con labbra blu, uno ruggine con labbra rosso ruggine,  giaccone nero con labbra nere, e avanti con i colori portati anche sul viso.
Di colori abbiamo ancora l’eco caldissima delle sfilate milanesi. Ripassando  ciò che abbiamo sottolineato nel taccuino che riporta i momenti  clou di ogni presentazione vogliamo tornare su Etro che nei percorso stilistico di Veronica Etro persegue la sua cultura tra Occidente e Oriente, con  accostamenti  tra tessuti superbi  invasi da colori che si ritrovano poi   in mix nei capi over, nei cappotti, nelle cappe, nelle tuiniche poncho. Qualcosa di folk, qualcosa dèco,  il motivo pailsey  anche in versione jacquard, che contrassegna ormai l’eleganza  Etro  affidata a un  lungo viaggio virtuale senza confini , verso terre lontane dove la sovrapposizione di colori e motivi tradizionali, persino  la riproposta dei disegni di tappeti preziosi ,  si rincorrono per un mood ineguagliabile che rende riconoscibile a distanza  questa  griffe.   


 

Giovedì 1 Marzo 2018, 00:12
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilVenerdì 16 Novembre 2018, 22:37
pubblicato ilVenerdì 9 Novembre 2018, 14:37
pubblicato ilVenerdì 2 Novembre 2018, 19:11
pubblicato ilSabato 27 Ottobre 2018, 18:14
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:25
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:09
pubblicato ilMercoledì 17 Ottobre 2018, 19:23
pubblicato ilVenerdì 5 Ottobre 2018, 13:34
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER